rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Il Soprintendente ai beni culturali Magani: «L'Arena di Verona è in sofferenza»

«La situazione non è confortante - ha spiegato il Soprintendente ai beni culturali Magani - il luogo è in grave sofferenza sia dal punto di vista conservativo, sia dell'impiantistica»

«L'Arena di Verona sta soffrendo». Secondo quanto riferito dall'Ansa, lo ha detto il Soprintendente ai beni culturali, Fabrizio Magani, parlando a margine di un incontro pubblico della situazione dell'anfiteatro, visitato ogni anno da 800mila turisti, che si aggiungono alle oltre 700mila persone che assistono agli spettacoli lirici.

«La situazione non è confortante - ha spiegato Magani - il luogo è in grave sofferenza sia dal punto di vista conservativo, sia dell'impiantistica, che è una forma di tutela per il monumento, ma soprattutto per le persone, che sono molte, che come noto vi transitano».

Il Soprintendente ha sottolineato che «c'è la questione della compatibilità d'uso, cioè di una gestione corretta che passa non tanto dalla dimensione artistica, ossia la varietà delle performance artistiche, ma dalla qualità degli impianti che accompagnano i vari concerti». Intanto è ai nastri di partenza un importante progetto conservativo per l'Arena di Verona da 14 milioni di euro, sostenuto da UniCredit e Fondazione Cariverona.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Soprintendente ai beni culturali Magani: «L'Arena di Verona è in sofferenza»

VeronaSera è in caricamento