Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità

La magia dell'Opera in chiave business: tornano a Verona le Arena Opera Festival Experience

Tra le varie opzioni anche la possibilità di cenare tra le pietre dell'ala dell'Arena accese dalla luce del tramonto, un momento intimo, reso unico anche dai piatti preparati da uno chef stellato

A seguito del grande successo riscosso la scorsa stagione, tornano a grande richiesta le Arena Opera Festival Experience, attività esclusive riservate alla clientela business per vivere la magia dell’opera e la bellezza millenaria dell’Anfiteatro romano da un’indimenticabile prospettiva. Il progetto, esclusiva di Fondazione Arena, è realizzato in collaborazione con il Gruppo Noahlity che ne cura la gestione, durante tutte le serate del Festival.

Le quattro esperienze, The Star RoofThe Stone LoungeBackstage Vip Pass e Meetings & Events in Gran Guardia, lo scorso anno sono state nominate “Best Exclusive Cultural Experience 2023 in Italy” dalla prestigiosa rivista britannica LUXlife Magazine che, ogni anno, stila una classifica delle migliori esperienze nel campo dell’ospitalità internazionale, della cultura e del turismo. Opera, cultura enogastronomica, artigianalità di scene e costumi celebri a livello internazionale, sono gli ingredienti essenziali che consentono al pubblico corporate di offrire ai propri stakeholder di riferimento esperienze uniche nel luogo più italiano sulla terra®, arricchite da accoglienza elegante e servizi di primo livello per la serata in Arena.

«Fondazione Arena è lieta di condividere spazi e momenti dedicati a chi desidera un’esperienza esclusiva alla scoperta di quel magnifico monumento e teatro che è l’Arena - dichiara Cecilia Gasdia, Sovrintendente di Fondazione Arena di Verona -. Tra questi, la possibilità di cenare tra le pietre dell’ala accese dalla luce del tramonto, un momento intimo, unico grazie ai piatti preparati da uno chef stellato, e un modo meraviglioso di entrare in contatto con l’Anfiteatro e l’opera. La bellezza di queste esperienze è che a beneficiarne sono anche quelle stesse pietre millenarie: grazie alla collaborazione con il Comune di Verona e la Soprintendenza per archeologia belle arti e paesaggio di Verona, Rovigo e Vicenza, per il terzo anno consecutivo The Star Roof contribuisce a sostenere i progetti per la tutela dell’Arena».

Chef Mattia Bianchi - Star Roof Arena di Verona : foto ufficio stampa Fondazione Arena di Verona

A garantire l’altissimo livello di qualità dei servizi offerti Fondazione Arena ha selezionato una ristretta rosa di partner accomunati da una forte matrice territoriale. Il partner storico Sartori di Verona (gruppo Collis Heritage), consolida una collaborazione ventennale come Official Supplier con esclusiva merceologica per i vini, rafforzando il legame tra l’eccellenza vitivinicola e culturale di Verona e la sua città. Vini di punta, come il “Regolo” Valpolicella Ripasso Classico Superiore e l’“Arnea” Soave Spumante Brut, accompagnano i momenti e le esperienze più suggestive della stagione.

Le cene in Star Roof e in Stone Lounge sono arricchite da una degustazione guidata di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP. «Per il nostro Consorzio – afferma Enrico Corsini, Presidente del Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena - la collaborazione con l’Arena di Verona ha origine dalla volontà comune di voler valorizzare il patrimonio storico-culturale di un territorio e di mettere a punto strategie per un’efficace promozione e diffusione dell’eccellenza in Italia e nel mondo. E’ proprio con questo obiettivo, infatti, che il Consorzio di Tutela ha affiancato la Fondazione Arena di Verona promuovendo e facendo degustare il proprio prodotto nel tour che ha toccato le Ambasciate italiane di Spagna, Francia, Germania e Stati Uniti d’America». 

I fortunati ospiti sono poi condotti ai dessert ideati con la dolcezza delle specialità di Forno Bonomi, leader mondiale dei Savoiardi e produttore della Tortafrolla di Verona in edizione speciale per L'Arena Opera Festival, la cui storica sede si trova proprio sull'altopiano della Lessinia a oltre 900 metri sul livello del mare. Forno Bonomi come Fondazione Arena di Verona rappresenta da sempre l’eccellenza di un territorio che porta nel mondo l’italianità.

The star roof

La terrazza delle stelle è un luogo tanto magico quanto poco conosciuto: si tratta del piano che congiunge il primo anello dell’Arena con l’ala (la parte di anfiteatro sopravvissuta al terremoto del 1117 e da sempre simbolo dell’Arena). Prima dell’opera 24 ospiti potranno accedere a un’esperienza gastronomica stellare, composta di quattro portate firmate Mattia Bianchi, Executive Chef del Ristorante Amistà, Stella Michelin dal 2020, all’interno del 5*Lusso Byblos Art Hotel Villa Amistà di proprietà della Famiglia Facchini.

«Cucinare è la mia passione e cucinare in Arena è per me motivo di orgoglio, ma anche una grande responsabilità, e non solo perché Verona è la città in cui sono nato, ma perché queste “experience” in anfiteatro sono tra le più prestigiose della stagione areniana 2024» commenta Mattia Bianchi. «I menu che ho pensato per queste cene nascono dal desiderio di raccontare il mio percorso professionale e la particolare attenzione che da sempre dedico al territorio e alla stagionalità degli ingredienti. Questa è la filosofia che seguo anche al Ristorante Amistà sostenuta con forza dalla Famiglia Facchini».

Terminata la cena, gli ospiti potranno seguire l’opera dal Podio reale dove, durante l’intervallo, godranno di un esclusivo servizio cortesia direttamente al posto. Ad oggi sono già più di 20 le serate sold out per questa proposta davvero unica che anche quest’anno è disponibile per l’acquisto online sul sito www.arena.it. «Questa esperienza segna un passo importante nella nostra collaborazione con Fondazione Arena» dichiara Alessandro Rossini, CEO del Gruppo Noahlity. «Dopo il successo del 2023, abbiamo scelto di puntare di nuovo sull’esperienza nell’hospitality del 5*Lusso Byblos Art Hotel Villa Amistà e sul talento di Mattia Bianchi, uno chef veronese che si è guadagnato l’ambita stella Michelin. La risposta del pubblico è ottima grazie anche alla novità per il servizio al posto che offriamo all’intervallo. Abbiamo molta fiducia in questo nuovo inizio di Festival e speriamo di raccontare al meglio l’Italia e di rendere indimenticabile l’esperienza per i nostri ospiti».

The stone lounge

È l’unica area lounge presente in Arena: una volta millenaria e protetta, a fianco dell’ingresso di platea. L’esperienza (applicabile fino a un massimo di 80 persone) include un’accoglienza dedicata, un light dinner accompagnato da una selezione di Vini Sartori, gift personalizzati, una reception apposita per il ritiro degli accrediti e l’ingresso riservato in Arena per accedere allo spettacolo.

Meetings ed eventi in Gran Guardia

Grazie alla collaborazione con il Comune di Verona, nella buvette del Palazzo della Gran Guardia (adiacente l’Arena) sarà disponibile un’area lounge dove gli ospiti potranno intrattenersi durante il momento pre-opera con un percorso enologico attraverso le migliori etichette delle cantine partner di Fondazione Arena, seguito da un light dinner. Le Aziende avranno inoltre a disposizione un’accoglienza speciale per i propri ospiti, con accesso a benefit esclusivi, che li seguiranno dal loro arrivo a Verona (con navette e concierge dedicati) all’ingresso in Arena (consegna degli accrediti, ingresso riservato, gift personalizzato e accesso al miglior posto) con l’opzione di aggiungere un momento di introduzione allo spettacolo, a cura di Fondazione Arena.

Si ricorda che tutte le iniziative sono curate dal Gruppo Noahlity in collaborazione con Fondazione Arena. Per la verifica delle modalità di adesione e delle disponibilità alle varie offerte, è attivo l’indirizzo mail corporate@arenadiverona.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La magia dell'Opera in chiave business: tornano a Verona le Arena Opera Festival Experience
VeronaSera è in caricamento