rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Opera Festival in Arena, Carmen da applausi e 32 rose contro femminicidi

L'opera di Bizet ha aperto l'edizione numero 96 della stagione operistica. Tra gli ospiti, la presidente del Senato Elisabetta Casellati e i ministri Lorenzo Fontana ed Alberto Bonisoli

Ieri, 22 giugno, si è aperta l'edizione numero 96 dell'Opera Festival dell'Arena di Verona con il nuovo, atteso e applauditissimo allestimento della Carmen di Bizet, firmata da Hugo de Ana, curatore della regia, delle scene e dei costumi.

Il pubblico ha gremito l'anfiteatro di piazza Bra e tra gli ospiti era presente la presidente del Senato Elisabetta Casellati, i ministri Lorenzo Fontana ed Alberto Bonisoli, oltre al sindaco di Verona e presidente di Fondazione Arena Federico Sboarina. Assente per concomitanti impegni istituzionalei il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che non però non ha fatto mancare il suo messaggio in cui ha definito la stagione operistica all'Arena "una delle istituzioni liriche più prestigiose e famose nel mondo". E un posto d'onore è stato riservato ad un ospite, anzi a 32 ospiti che purtroppo non hanno potuto assistere alla rappresentazione. Sono le 32 vittime di femminicidio che già si contano in questo 2018. Sono state ricordate con 32 rose rosse appoggiate sul posto numero 32 della platea. Un modo per sensibilizzare tutti sul fenomeno dei femminicidi, durante un'opera che mette in scena proprio la triste vicenda della Carmen, uccisa da Don José.

Carmen in Arena (Foto Ennevi concesse dalla Fondazione Arena di Verona)

Lo spettacolo è stato inoltre dedicato alla memoria di Tullio Serafin per il cinquantenario della scomparsa. La prossima replica sarà il 29 giugno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opera Festival in Arena, Carmen da applausi e 32 rose contro femminicidi

VeronaSera è in caricamento