rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Unione Radiotaxi Verona compie 50 anni con una targa in dono alla città

Il sindaco Federico Sboarina ai taxisti veronesi: «Avete contribuito alla crescita della città, accogliendo in ogni giorno dell'anno, le milioni di persone che, prima del Covid, venivano a Verona»

Un 50esimo anniversario che guarda al futuro con preoccupazione, quello festeggiato in Piazza Bra dall'Unione Radiotaxi Verona. Poca la voglia di celebrazioni importanti che, comunque, sarebbero risultate impossibili a causa del Covid. Anche per i tassisti veronesi, infatti, far quadrare il bilancio 2020 è stata una battaglia difficile, che ha lasciato ferite importanti in un’attività che fatica a mantenere ritmi lavorativi sufficienti per tutti. Prima il lockdown e poi la stagione turistica ripetutamente compromessa da limitazioni e divieti, un mix esplosivo che ha gravemente ridotto il bacino dell’utenza e, con esso, la produttività dell’intero comparto. Anche per questo motivo, come gesto ben augurante in attesa di tempi migliori, l'Unione Radiotaxi Verona ha fatto dono alla città di una targa che è stata consegnata simbolicamente al sindaco Federico Sboarina dal suo presidente Mirco Grigolato. Presenti anche gli assessori al commercio Nicolò Zavarise, al turismo Francesca Toffali e alla sicurezza Marco Padovani, oltre al presidente della Confcommercio Paolo Arena ed al comandante della polizia locale Luigi Altamura.

«In questi cinquant’anni di attività - ha sottolineato il sindaco - avete contribuito alla crescita della città, accogliendo in ogni giorno dell’anno, le milioni di persone che, prima del Covid, venivano a Verona. In questo difficile momento non posso che confermare il mio impegno nell’essere portavoce presso le istituzioni, sia la Regione che il Governo, delle legittime richieste di aiuto avanzate dalla vostra categoria. Servono aiuti concreti subito. Sul fronte cittadino, invece, farò quanto è nelle mie possibilità per far ripartire tutto il sistema turistico e produttivo veronese. Quando sarà di nuovo possibile realizzare grandi eventi, fiere, spettacoli e qualsiasi altra manifestazione, tutto il nostro mondo economico ne avrà giovamento. Questa città vive di turismo e di quei flussi di persone che, per ragioni diverse, ogni anno venivano a Verona per lavorare o per passare le proprie vacanze. Tornare alla normalità significa riappropriarsi di questa essenziale movimentazione di persone, linfa vitale per tutta la nostra economia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unione Radiotaxi Verona compie 50 anni con una targa in dono alla città

VeronaSera è in caricamento