Torna ad accendersi la fontana di piazza del Popolo a San Michele opera di Gino Bogoni

"Finalmente – ha detto l’Ass. alle Strade e Giardini Marco Padovani - viene restituita al quartiere di San Michele una fontana che da tempo non veniva utilizzata, a causa di problemi tecnici che ne avevano condizionato il funzionamento"

L’intervento straordinario, realizzato da Amia, ha avuto un costo complessivo di 8 mila euro. «Sono molto contento – dice il presidente Andrea Miglioranzi – di aver effettuato questo importante intervento alla fontana di San Michele. Dall’estate scorsa c’erano delle perdite nella vasca di contenimento e quindi Amia ha provveduto a rifare l’impermeabilizzazione a sue spese, pur non essendo questa prestazione di sua competenza. Il lavoro è stato piuttosto impegnativo in quanto si è dovuta eliminare tutta l’intonacatura precedente della vasca, si è dovuto provvedere ad una nuova posa di cemento e alla conseguente impermeabilizzazione. Si sono attesi otto giorni per il consolidamento del materiale impermeabilizzante e finalmente oggi possiamo procedere alla rimessa in funzione della fontana, che con il suo gorgogliare scandisce da sempre i ritmi della comunità. Valorizzare il paesaggio, garantirne la sicurezza e il controllo costante è una soddisfazione per tutti».

fontana piazza del popolo 1

La fontana di piazza del Popolo a San Michele

«Finalmente – afferma l’Assessore alle Strade e Giardini Marco Padovani - viene restituita al quartiere di San Michele una fontana che da tempo non veniva utilizzata, a causa di problemi tecnici che ne avevano condizionato il funzionamento. Un risultato importante che, da oggi, consente di restituire alla cittadinanza uno spazio pubblico riqualificato».

 «Sarebbe importante – ha dichiarato il capogruppo della Lega Nord, Mauro Bonato – creare un circuito turistico tra le fontane della città. Questo diventerebbe un percorso, che porterebbe le persone dal centro storico in tutte le periferie, volto a valorizzare queste opere d'arte molto spesso dimenticate. Infatti, la fontana di san Michele opera di Gino Bogoni voluta per rappresentare la drammaticità della guerra, è stata pensata dall'artista dopo la sua esperienza tragica della guerra sul fronte russo dove aveva vissuto in maniera personale la sofferenza legata al conflitto mondiale, è una di quelle opere che i veronesi abituati a vederla quotidianamente si dimenticano il valore morale che rappresenta». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, come cambiano le regole a Verona per il Ponte dell'Immacolata

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend da 4 all'8 dicembre 2020

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

Torna su
VeronaSera è in caricamento