Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità

Ambulatori fissi e mobili in Veneto per contrastare la povertà sanitaria

Una nuova iniziativa prende il via sul piano sperimentale per agevolare l’accesso alle cure per le persone che si trovano in una situazione di difficoltà economica

La Regione Veneto avvia sul piano sperimentale una nuova iniziativa, che punta ad agevolare l’accesso alle cure per le persone in condizione di povertà sanitaria, attraverso forme di collaborazione con enti del Terzo Settore e specifiche convenzioni. Tra gli aspetti più innovativi, la creazione di ambulatori distrettuali di prossimità e di ambulatori mobili con l’impiego di personale medico e infermieristico volontario da parte degli enti stessi.

«In una società come la nostra – sottolinea l’Assessore alla Sanità Manuela Lanzarin, che ha fatto approvare in Giunta una specifica delibera – ai più può sembrare impossibile che ci siano persone con un reddito non sufficiente a provvedere alle esigenze legate alla salute. Invece è così. In più si sta creando una fascia di nuovi vulnerabili, perché il Coronavirus, le restrizioni e la crisi economica innescata da quella sanitaria hanno ulteriormente peggiorato le condizioni della popolazione più fragile. È un dovere civico e morale pensare a loro, e se questa sperimentazione avrà successo, come sono convinta, la si potrà allargare e potenziare».

Con la pandemia la situazione si è particolarmente aggravata e, secondo l’Osservatorio sulla Povertà Sanitaria del Banco Farmaceutico, le persone che vivono una situazione di difficoltà economica spendono il 63% del loro budget sanitario mensile per acquistare farmaci da banco (non coperti dal Servizio Sanitario Nazionale) e solo 3,77 euro per le altre cure necessarie, prevenzione compresa.

Negli Ambulatori Distrettuali di Prossimità, gestiti da medici e infermieri volontari, si prevedono cure ambulatoriali essenziali, ancorchè continuative per malattie e infortunio in forma gratuita come, ad esempio, medicina di base, eventuali visite specialistiche, e quanto necessario a una prima diagnosi finalizzata a una presa in carico, da definirsi in sede di convenzione tra Regione e Enti del Terzo Settore.

Gli Ambulatori Mobili saranno istituiti a livello provinciale e consentiranno di intercettare una potenziale domanda che difficilmente si rivolgerebbe a un ambulatorio fisso centralizzato. Forniranno un servizio sanitario di base, tipico dello studio del medico di famiglia e lavoreranno per dare un servizio di orientamento sanitario in grado di intercettare situazioni di disagio e/o vulnerabilità.

Molti saranno i possibili destinatari delle iniziative. Tra questi, persone anziane e sole, disabili con particolari patologie, donne in gravidanza, nuclei monoparentali, genitori con figli minori, migranti, stranieri regolarmente soggiornanti, cittadini europei senza Tessera Europea di Assicurazione Malattia, cittadini senza dimora o privi di residenza, cittadini che transitano verso altre nazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulatori fissi e mobili in Veneto per contrastare la povertà sanitaria

VeronaSera è in caricamento