rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità Veronetta / Via Cantarane, 32

Al Camploy si chiude la rassegna "L'altro teatro" con oltre 1.600 spettatori in presenza e 35 mila sui social

Grande soddisfazione per l'ass. alla Cultura Francesca Briani: «Proposte di altissimo livello, emozionante tornare a vedere il teatro pieno»

Cala il sipario dell’Altro Teatro, e si chiude la prima stagione invernale della "ripartenza". Nonostante limitazioni e incertezze dettate dalla pandemia, il Camploy ha registrato in pochi mesi «1.632 spettatori dal vivo». Lo rende noto palazzo Barbieri, parlando di un vero e proprio «successo di pubblico per la rassegna del Comune dedicata al teatro di ricerca e alla danza contemporanea, attestato anche dai ‘sold out’ che si sono susseguiti».

Secondo quanto si apprende, a vincere dal punto di vista delle presenze sono stati lo "Lo Zoo di Vetro" di Leonardo Lidi e "Così è (o mi pare)" in realtà virtuale di Elio Germano. Ottimi risultati, ad un passo dal tutto esaurito, anche per i veronesi Babilonia Teatri con “Mulinobianco” e “In nome del padre” di Mario Perrotta, con la collaborazione di Massimo Recalcati. Prevendite già esaurite anche per Emma Dante e il suo “Misericordia”, annullato poche ore prima della messa in scena per sopraggiunti problemi tecnici della compagnia.

La svolta social

Per la prima volta è stata creata la pagina Instragram, una vera e propria piattaforma culturale, con stories associate direttamente all’acquisto dei biglietti. Un canale dedicato ai più giovani e ai loro linguaggi. Da ottobre ad aprile, la rassegna L’Altro Teatro ha raggiunto «ben 35 mila persone» attraverso le pagine Facebook e Instagram, con un’impennata a partire dallo scorso gennaio in concomitanza con le sezioni dedicate al teatro e alla danza. Su Facebook la copertura dei post a inizio stagione era pressoché nulla, 98 persone totali, oggi, invece, conta «20.524 "spettatori" virtuali». Su Instragram, la pagina @laltroteatro.camploy è arrivata ad avere «una copertura di 14.442 persone, con 2.118 visite al profilo e un totale di 362 followers composti da una netta predominanza femminile distribuita tra i 25 e i 44 anni».

La rassegna comunale, inaugurata al Teatro Camploy il 21 ottobre 2021 e conclusasi lo scorso 9 aprile, si era posta come obiettivo offrire una proposta alternativa ed interessante ai giovani. La prima sezione della rassegna, “L’Altro Dante”, realizzata in collaborazione con l’Università di Verona, ha visto susseguirsi Chiara Guidi di Societas, Mario Perrotta e Valeria Raimondi, il Teatro dell’Albero e Virgilio Sieni, che hanno regalato al pubblico uno sguardo alternativo su Dante attraverso i linguaggi del teatro, della musica e della danza.

A seguire la sezione di teatro di ricerca “Interni Disordinari” che ha voluto raccontare come la pandemia ha trasformato il nostro rapporto con l’altro: Babilonia Teatri, Isabella Ragonese e Lucia Calamaro, Leonardo Lidi con Tindaro Granata e Mariangela Granelli, Mario Perrotta e Massimo Recalcati ed infine Elio Germano con il suo nuovo esperimento virtuale. A concludere la rassegna c’è stata la sezione “Corpo a Corpo” dedicata alla danza contemporanea, con tre proposte a cura di giovani talenti come Marco D’Agostin, Mattia Cason e Camilla Monga.

Ass. Briani: «Grande emozione il pubblico da sold out»

«Ripartire subito era il nostro principale obiettivo e vedere il teatro a capienza piena, con un pubblico da sold out, è stato emozionante – spiega l’assessore alla Cultura Francesca Briani -. Non era per niente scontato, le difficoltà sono state tante, sia per mettere in piedi una programmazione di alto livello nonostante le limitazioni, sia per affrontare il cambio di regole anticontagio avvenuto da un giorno all’altro proprio ad inizio stagione. Ma la risposta del pubblico ci ha ripagato e ha dimostrato l’affetto per la rassegna sperimentale del Camploy».

«È stata una stagione complessa, proprio perché non sapevamo come avrebbe reagito il pubblico – afferma il direttore artistico Carlo Mangolini -. Tornare a teatro, al chiuso, dopo due anni non è stato immediato, ma via via abbiamo riacceso l’interesse e l’entusiasmo dei veronesi. E di questo siamo davvero orgogliosi. I risultati di questa stagione sono importanti soprattutto per il loro valore simbolico, ci aspetta un’estate intensa ma possiamo dire di aver posto le basi per tornare, con grande entusiasmo, ad una piena ‘normalità’ il prossimo settembre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Camploy si chiude la rassegna "L'altro teatro" con oltre 1.600 spettatori in presenza e 35 mila sui social

VeronaSera è in caricamento