Attualità Centro storico / Via del Pontiere

Dopo Trento, gli alpini preparano l'esodo di massa verso Vittorio Veneto

Le Penne nere scaligere si stanno per mettere in moto in occasione del Raduno del Terzo Raggruppamento che si terrà in provincia di Treviso: "I miei alpini non mancheranno a questo importante appuntamento, con il solito carico di entusiasmo ed energia"

Un mese fa, a Trento, erano in diecimila accompagnati dai sindaci di tutta la provincia per l'appuntamento con l'Adunata Nazionale. E ora gli alpini veronesi si preparano a ripetere l'«esodo di massa» a Vittorio Veneto, in occasione del Raduno del Terzo Raggruppamento in programma da domani a domenica. Una presenza di massa per ringraziare tutte le sezioni del Triveneto che, a febbraio, hanno messo nero su bianco la propria volontà di supportare la candidatura di Verona ad ospitare l'Adunata Nazionale del 2020. "Sappiamo di avere gli occhi del direttivo nazionale puntati su di noi - ricorda il presidente sezionale, Luciano Bertagnoli -. I miei alpini non mancheranno a questo importante appuntamento, con il solito carico di entusiasmo ed energia". E sarà proprio il presidente Bertagnoli, sabato mattina, a tenere il discorso ufficiale al Bosco delle Penne Mozze dove le sezioni di Gemona, Trento, Trieste, Verona e Vicenza deporranno le loro Foglie sull'Albero del Ricordo. "Mancavano solo le foglie di queste cinque sezioni per completare l'Albero - puntualizza Bertagnoli -. Con questo gesto vogliamo dire che noi ci siamo, al fianco dell'Italia per fare memoria". Un momento particolare, nel centenario della fine della Grande Guerra, prima della partenza della Lampada Votiva diretta al centro della città. Nel pomeriggio di sabato, alle 17, è poi in programma la messa in Cattedrale celebrata dal vescovo di Vittorio Veneto, Beniamino Pizziol.

Ma già da domani le Penne Nere scaligere saranno a Vittorio Veneto per assistere all'arrivo delle cinque «Fiaccole della Memoria» in piazza del Popolo, per alimentare la «Fiamma del Ricordo» che rimarrà accesa per tutta la tre giorni alpina. Sabato, come detto, la cerimonia al Bosco delle Penne Mozze, la messa nel pomeriggio e poi la sfilata da piazza Giovanni Paolo I a piazza del Popolo. In serata, a partire dalle 20.45, concerto della Fanfara dei congedati della Brigata Cadore al teatro Lorenzo Da Ponte. Nelle chiese cittadine, invece, si esibiranno i cori della sezione Ana di Vittorio Veneto e dei cori ospiti.
Domenica, il clou delle manifestazioni con l'alzabandiera in programma alle 8.30 e l'inizio della sfilata, un'ora più tardi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo Trento, gli alpini preparano l'esodo di massa verso Vittorio Veneto

VeronaSera è in caricamento