menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alessia Bottone durante la premiazione (Foto Debra Pollarini)

Alessia Bottone durante la premiazione (Foto Debra Pollarini)

Documentario della veronese Alessia Bottone premiato al Bellaria Film Festival

Con "La Napoli di mio padre", inserito nella sezione Bei Doc, la regista, sceneggiatrice e giornalista ha ricevuto la Menzione Speciale della Giuria

Alla 38esima edizione del Bellaria Film Festival si afferma Verona. La regista, sceneggiatrice e giornalista veronese Alessia Bottone ha ricevuto la Menzione Speciale della Giuria per il suo documentario "La Napoli di mio padre", inserito nella sezione Bei Doc. L'autrice, in questo documentario, si interroga sul rapporto con il padre, prendendo spunto da un viaggio in treno verso Napoli, che si trasforma in un'occasione per raccontare la vita del genitore e per conoscere le proprie origini.
La giuria internazionale presieduta Moni Ovadia ha deciso di assegnare la Menzione Speciale al film perché «ha saputo costruire un ponte tra passato e presente, immagini d'archivio e suggestioni contemporanee in un viaggio alla scoperta del rapporto tra padre e figlia».
Il documentario è interpretato dall'attrice veronese Valentina Bellè.

Diretto per il terzo anno consecutivo da Marcello Corvino, il Bellaria Film Festival si è tenuto dal 23 al 27 settembre chiudendo la 38esima edizione con 3.200 presenze, nonostante le limitazioni dovute all'emergenza Covid. I documentari italiani e stranieri selezionati per la gara sono stati 25 (tra 241 candidati), declinati sui princìpi dell'articolo IX della Costituzione Italiana («La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione»).
Due le sezioni competitive: Bei Doc per lavori inediti e non, di qualsiasi formato con durata massima 90 minuti, e Bei Young Doc, rivolto invece ai registi under 30.
Quest’anno il festival ha assegnato il Premio alla Carriera a Sandra Milo, e ha dedicato il Premio "Una vita da film" a Tonino Guerra, nel segno di un omaggio a Federico Fellini.

la napoli di mio padre-2

LA NAPOLI DI MIO PADRE

Fin da bambina, Alessia, la regista, osservava suo padre affacciarsi alla finestra, domandandosi cosa fosse in grado di attirare la sua attenzione in modo così intenso. Diversi anni dopo, durante un viaggio di ritorno a Napoli, città natale del padre, Alessia si ritrova a osservarlo nuovamente. Anche questa volta Giuseppe è di profilo e, mentre il paesaggio scorre dal finestrino di un treno, il suo sguardo cerca di fermare quegli attimi e salvarli dallo scorrere veloce del tempo. Il padre descrive la sua infanzia concentrata nel quartiere Vicaria, tra i migranti alla stazione, Nanninella, Don Mario e il suo amico Napoleone con il quale esplorava la città con due taralli nelle tasche e tanti sogni nella testa. Il ritorno di Alessia si trasforma quindi in un'occasione per raccontare il viaggio di una vita e conoscere le proprie origini. Perché per quanto lontano possiamo andare, torniamo sempre là, dove tutto è iniziato.

ALESSIA BOTTONE

Regista, sceneggiatrice e giornalista laureata in Istituzioni e Politiche per i Diritti Umani e la Pace. Nel 2017 consegue il Master in Sceneggiatura Carlo Mazzacurati dell'Università degli Studi di Padova. Si è occupata della regia, sceneggiatura del cortometraggio "Violenza invisibile", dedicato alla violenza psicologica sulle donne e di due documentari: "Ritratti in controluce" e "Ieri come oggi".
Nel 2013 pubblica "Amore ai tempi dello stage", Galassia Arte 2013, e due anni dopo, "Papà mi presti i soldi che devo lavorare?", edito da Feltrinelli.
Nel 2017 le sono stati riconosciuti alcuni premi per le sue inchieste. Tra questi: il "Premio Giornalistico Claudia Basso" con l'inchiesta Pfas, il "Premio Alessandra Bisceglia" per la comunicazione sociale e infine il "Premio Massimiliano Goattin" per la realizzazione di una video-inchiesta sulle barriere architettoniche.
Nel 2018 rientra tra i finalisti del "Premio Cesare Zavattini" per la realizzazione di progetti di riuso creativo del cinema d'archivio e del "Premio Luzzati" per cortometraggi.
"La Napoli di mio padre" è il suo primo cortometraggio a base di archivio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento