menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pericolanti e a fine ciclo vitale, Amia dà il via alla sostituzione di 29 alberi

"Si procederà al più presto ad estirpare e a prelevare le piante pericolanti e nella stagione autunnale si provvederà al reimpianto di nuovi alberi, sempre di Acero ma appartenenti a specie diverse", ha detto Andrea Miglioranzi

A breve, si renderà necessaria la rimozione di ventinove alberi di Acero americano che compongono l’alberata in via Anzani e in via Risorgimento, in quanto presentano dei gravi problemi di stabilità strutturale. In effetti questa specie di pianta, detta anche Acer negundo, è poco adatta alla collocazione come alberatura stradale e mal sopporta le potature.

Amia ha eseguito monitoraggi capillari e ripetuti – dichiara il presidente Andrea Miglioranzi – ma anche le perizie di stabilità eseguite dai tecnici incaricati hanno dato esiti preoccupanti. Oltre alla criticità in termini di stabilità, ad aggravare la situazione è anche l’alta vulnerabilità dell’area che ospita le nostre piante. Una zona molto frequentata da veicoli e pedoni. Concretamente non ci sono più i margini per la sicurezza sufficienti per il loro mantenimento; tanto che insieme all’assessore Padovani e ai tecnici del Comune di Verona, di concerto con le associazioni quali Legambiente di Verona, Italianostra, Verona Inalberata, WWF Verona, Verona Polis, Lipu e Alberi Verona abbiamo deciso la rimozione e la successiva sostituzione.

Dopo quarant’anni gli Aceri in questione sono da considerarsi a fine ciclo vitale e devono essere assolutamente surrogati, fanno sapere da Amia, come già è iniziato da tempo in via Anzani.

Si procederà al più presto ad estirpare e a prelevare le piante pericolanti – continua e conclude il presidente – e nella stagione autunnale si provvederà al reimpianto di nuovi alberi, sempre di Acero ma appartenenti a specie diverse: più idonee e resistenti in un contesto urbano. I nostri intendimenti oltre alla priorità assoluta che riguarda la sicurezza dei cittadini sono: abbellire il paesaggio, curare al meglio il verde e magari migliorarlo, valorizzare l’immagine della nostra città a beneficio di tutti.

Gli alberi, come tutti gli esseri viventi, hanno un proprio ciclo vitale, che va rispettato – afferma l’assessore ai Giardini Marco Padovani -. Fermo restando che si tratta di alberi malati, la decisione di rimuovere gli aceri in via Anziani e via Risorgimento, va anche nella direzione di salvaguardare i cittadini, evitando che i rami malati si schiantino sulle auto in transito.
E comunque, l’impegno del Comune è quello, in accordo con Amia, di ripristinare le zanelle laddove necessario, in linea con quanto effettuato sino ad oggi per la tutela del verde.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento