Attività danneggiate dai cantieri del filobus, previste agevolazioni fiscali

Sono al vaglio aliquote particolari per l'Imu, mentre per la tassa dei rifiuti ci sarà uno sconto dell'80% e per la tassa della pubblicità l'esenzione sarà totale

Cantiere del filobus (Foto di repertorio)

I piccoli artigiani e le attività economiche come bar e negozi che nei mesi scorsi, a Verona, hanno avuto delle ricadute negative accertate nei loro fatturati a causa dei cantieri per la realizzazione del filobus potranno richiedere e ottenere delle agevolazioni fiscali. Lo ha deciso la giunta regionale che, per il momento, ha pensato ad una riduzione della tassa dei rifiuti dell'80%. Artigiani e commercianti danneggiati dai lavori per la filovia potranno fare richiesta a Solori per ottenere lo sconto sulla Tari entro il 30 giugno.
L'esenzione dal pagamento sarà invece totale per l'imposta della pubblicità, ma solo per i mesi in cui il cantiere del filobus è stato attivo.

Al vaglio dell'amministrazione comunale anche un'agevolazione sull'Imu, anche se in questo caso anche non è stato ancora predisposto nulla perché è necessario trovare le giuste coperture nel bilancio comunale. E proprio su questo tema si concentrano le critiche delle forze politiche di opposizione. «È sintomatico di inefficienza e pressapochismo il fatto che, soltanto a ridosso dell'inizio della discussione del bilancio di previsione, l'amministrazione si ricordi di dovere risarcire le attività economiche danneggiate dai ritardi dei cantieri del filobus, cantieri che si prolungano dal maggio scorso e che avrebbero dovuto concludersi a novembre - ha dichiarato il consigliere Michele Bertucco - Il rischio di sforare i tempi consentiti di approvazione del bilancio e di dover dunque ricorrere a successivi aggiustamenti in corsa, è molto alto. Ma presa per tempo, la questione della riduzione del'Imu avrebbe potuto essere approfondita mentre ora non è nemmeno nota quale sarà lo sconto praticabile. A questo punto è necessario prendere le opportune contromisure al fine di evitare che i mega ritardi a cui stiamo assistendo in Borgo Venezia e a San Michele si ripresentino anche nel proseguo dei cantieri. L'amministrazione deve anche riferire sullo stallo riguardante la progettazione del parcheggio scambiatore Est. I privati proprietari dei terreni hanno infatti ottenuto dal Tar l'estromissione dei tecnici del Comune che dovrebbero eseguire i rilievi per istruire le pratiche di esproprio. Tutte le informazioni serviranno anche a capire di quanto stiamo andando oltre le scadenze a suo tempo concordate con il Ministero per la consegna dei lavori».

Mentre i consiglieri comunali del Partito Democratico Stefano Vallani, Federico Benini ed Elisa La Paglia hanno evidenziato:

A parte per l'Imu, il cui calcolo non a caso è ancora in corso, tutte le riduzioni o le esenzioni annunciate per rifondere (in parte) residenti e commercianti dei danni economici causati dalla cattiva gestione dei cantieri del filobus sono già previsti nei rispettivi regolamenti comunali. Non per niente, nella mozione presentata dal consigliere Vallani, che l'amministrazione non ha mai voluto portare al voto in consiglio comunale, si parlava di riduzione del 100% delle tasse rifiuti, occupazione suolo pubblico e imposta pubblicità. Un segnale forte come forte è il danno subito, in una congiuntura economica non certo favorevole, dalle attività stesse.
Vale sottolineare la situazione kafkiana: Amt e Comune continuano a ripetere che occorre attendere condizioni atmosferiche favorevoli per la posa degli asfalti e la chiusura dei cantieri. La realtà è che stiamo uscendo da uno degli inverni più miti della storia e nei giardini pubblici stanno già spuntando le margherite. I cantieri dovevano durate sei mesi a partire da maggio, ma a quasi nove mesi di distanza siamo ancora a chiederci cosa sia andato storto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento