Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Adunata nazionale alpini 2020, sabato il grande giorno: si vota la città, Verona in lizza

L'esito della consultazione tra i 24 consiglieri che stabiliranno la città italiana che nel 2020 ospiterà l'Adunata nazionale degli alpini, dovrebbe giungere intorno a mezzogiorno sabato 10 novembre. Presidente Ana Verona Bertagnoli: «C'è grande ansia e trepidazione»

L’attesa è finita. Ancora poche ore e si saprà se la 93ª Adunata nazionale degli Alpini nel 2020 verrà ospitata a Verona. Domani mattina a Milano si riunisce il consiglio nazionale dell’ANA: all’ordine del giorno la votazione per l’Adunata 2020. I 24 consiglieri nazionali, cui si aggiungerà il voto del presidente Sebastiano Favero qualora si delineasse una situazione di assoluto pareggio (12 a 12), sono chiamati a scegliere la città che avrà l’onore di ospitare il 93° raduno dei quattro raggruppamenti dell’ANA che rappresentano tutte le Regioni e circa 400mila uomini.

Alpini veronesi in Bra - Presidente Ana Verona Luciano Bertagnoli

Le candidate sono Verona, Rimini e Torino. Il cronoprogramma delle operazioni è serrato. Alle 10, con 15 minuti a disposizione per ciascuna città, saranno illustrate le candidature da parte dei presidenti delle relative sezioni in lizza. Si procede in ordine alfabetico e il presidente dell’Ana Verona Luciano Bertagnoli sarà dunque l’ultimo a intervenire, poco prima delle 11, dopo i colleghi di Rimini e Torino. A seguire, e a porte chiuse, la votazione. Il verdetto, dunque, dovrebbe presumibilmente arrivare entro l’ora di pranzo.

«Grande trepidazione e ansia in continuo aumento. Ho il compito di illustrare al meglio la candidatura della nostra città», è il commento di Bertagnoli alla vigilia del voto, dalla sede dell’Ana di via del Pontiere che in questi giorni è stata punto di coordinamento per i 400 volontari mobilitati per l’emergenza maltempo prima sul territorio e poi, una volta terminata l’allerta locale, partiti per prestare soccorso nell’Agordino flagellato da acqua e vento.

Non solo le sezioni veronesi dell’Ana, dunque, che contano 200 gruppi e oltre 22mila soci, ma tutto il territorio è col fiato sospeso. A favore dell’Adunata 2020 in città, infatti, nei mesi scorsi si sono via via schierati tutti i 98 comuni della Provincia oltre ai gruppi del Mantovano iscritti alla sezione scaligera. Lo stesso sindaco del Comune capoluogo Federico Sboarina ha più volte dichiarato che «Verona è pronta ad aprire i cancelli dell’Arena per l’evento principale dell'Adunata» e che l’intera città «è pronta, con tutte le sue bellezze storico-artistiche e paesaggistiche ad ospitare gli Alpini d’Italia». Di più: sostegno ufficiale è arrivato anche dai rappresentanti del Terzo raggruppamento che fa capo a Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, le cui sezioni rappresentano circa il 40% di tutte le Penne Nere d’Italia.

Del resto, il 2020 è un anno significativo per gli alpini veronesi. Risale a 30 anni fa l’ultima Adunata nazionale ospitata entro le Mura: era il 13 maggio del 1990. E ancora, nel 2020 gli alpini festeggiano il centenario della fondazione della sezione scaligera. Un traguardo che tutti sognano di celebrare ai massimi livelli proprio nei giorni dell’Adunata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adunata nazionale alpini 2020, sabato il grande giorno: si vota la città, Verona in lizza

VeronaSera è in caricamento