menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Moto abbandonata a Verona in via Fava 2020

Moto abbandonata a Verona in via Fava 2020

Squadre "plastic free" contro i rifiuti a Verona: in via Fava trovata abbandonata una moto

«Tutela dell’ambiente è una sfida che possiamo vincere solo insieme», spiega l’Ass. Segala

Si comincia con una  bottiglia di plastica, poi diventano due e i suoi multipli, fino ad arrivare a sacchetti interi di materiale che vanno a formare vere e proprie discariche a cielo aperto. La maleducazione e la mancanza di senso civico e di rispetto per l’ambiente sono un nemico che va combattuto unendo più forze possibili, con istituzioni, associazioni e cittadini che lavorano insieme per gli stessi obiettivi. Nasce così la collaborazione tra il Comune di Verona e il gruppo veronese di PlasticFree, costola dell’omonima associazione nazionale, accomunate dall’intento di mettere fine alla cattiva abitudine di buttare la spazzatura dove capita, anche se a pochi metri di distanza ci sono gli appositi cassonetti.

Una battaglia che i volontari veronesi, circa una sessantina, stanno portando avanti già da qualche mese, con risultati importanti e visibili a tutti. L’ultimo, in ordine temporale, è la pulizia della discarica abusiva in via Are Zovo a Quinzano, dove i rifiuti si accumulavano da almeno tre anni. Ora, grazie al supporto del Comune, sarà più facile avere una mappa delle zone da ripulire presenti su tutto il territorio. In questa fase diventano molto importanti le segnalazioni dei cittadini, che possono indicare puntualmente i luoghi in cui serve agire e che possono scegliere di partecipare alle operazioni di pulizia. Quello di fare rete e unire più soggetti insieme è infatti uno degli obiettivi dell’accordo tra PlasticFree e Comune, per sensibilizzare e coinvolgere nel progetto più realtà possibili, partendo dalle Circoscrizioni per arrivare alle associazioni di quartiere e ai gruppi di cittadini più attivi.

Non a caso è stata scelta la formula del Patto di sussidiarietà per siglare la collaborazione tra il settore Ambiente del Comune e l’associazione PlasticFree, strumento che l’Amministrazione utilizza per valorizzare la cittadinanza attiva e legittimarne il contributo sempre più significativo a vantaggio della collettività. Grazie al supporto dell’ente pubblico, infatti, le operazioni di pulizia saranno ancora più efficaci grazie ad Amia, che metterà a disposizione materiali per raccogliere i rifiuti e si occuperà dello smaltimento di quelli più ingombranti. Il prossimo intervento di PlasticFree ha già un indirizzo ben preciso. È via Fava 8, la strada che dalla fine di Corso Milano porta al Chievo. È qui, sul versante della strada, che rifiuti di ogni genere la fanno da protagonisti. Plastica, sacchetti, immondizie varie, persino una motocicletta abbandonata. Sul posto si sono date appuntamento venerdì mattina l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala e Antonietta Di Renzo, coordinatrice PlasticFree, per un sopralluogo nell’area in Borgo Milano. Insieme a loro, la volontaria Agnese Bonuzzi.

«La tutela dell’ambiente è una sfida che possiamo vincere solo insieme – ha detto l’assessore Ilaria Segala -. Per troppi anni è stato un tema poco affrontato, ora non c’è più tempo da perdere e tutti i cittadini devono essere consapevoli che ogni piccola azione può fare la differenza. Anche la segnalazione è importante, perché ci permette di intervenire subito, prima che la situazione degeneri. Purtroppo la maleducazione e la mancanza di rispetto sono dure da battere, serve l’impegno di tutti, ciascuno può e deve dare la propria parte. Non mi stancherò mai di ribadire l’importanza del buono esempio, che deve iniziare in famiglia e proseguire nelle scuole. Ringrazio PlasticFree per la passione e la determinazione con cui ha sposato questa causa, abbiamo trovato un alleato prezioso».

«I cittadini sono stanchi di assistere a vandalismi e incuria a danno del territorio e dell’ambiente – dice Antonietta Di Renzo? -. Ci arrivano molte segnalazioni, alcune sono situazioni di degrado avanzato, altre riusciamo a bloccarle sul nascere. Avere a fianco il Comune ci dà una grande forza, il nostro obiettivo è coinvolgere il maggior numero di associazione e attivare una rete di cittadini attivi consapevoli della necessità di sensibilizzare su questi temi». Sulle pagine d el Comune di Verona è possibile trovare tutte le informazioni sulle azioni di cittadinanza attiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento