rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Attualità

Verona Minor Hierusalem, 163 mila visitatori in 2 anni e nuovi itinerari in arrivo

Il progetto inaugura due nuovi itinerari, dopo il successo riscosso dal suo avvio ad oggi: «Abbiamo un ricchissimo patrimonio che merita di essere conosciuto», ha detto l'assessore Briani

Non solo turisti tra le strade di Verona, ma anche pellegrini alla scoperta delle chiese e della storia scaligera. E oltre mille volontari già formati. Dopo aver registrato 163 mila visitatori in 2 anni, il progetto “Verona Minor Hierusalem. Una città da valorizzare assieme”, lancia 2 nuovi itinerari.

E l’occasione per dare il via ai nuovi percorsi sarà il convegno che si terrà sabato 15 dicembre, alle ore 9, in Gran Guardia, “Verona tra cammini europei e pellegrinaggi urbani”. Sarà Paolo Caucci von Saucken, presidente del Comitato internazionale di esperti del Cammino di Santiago, a parlare de “Il valore del pellegrinaggio lungo le vie d’Europa, ieri e oggi”.

Subito dopo saranno inaugurati gli itinerari “Rinascere dalla Terra. Verona crocevia di civiltà, storia e cultura” e “Rinascere dal cielo, tra le note di Mozart e una nave di Santi”. Il primo percorso permetterà di visitare cripte e sacelli, a testimonianza di una fede antica e radicata sul territorio, ma anche palazzi e monumenti storici. Si passerà così da San Zeno in Oratorio, San Lorenzo, Santissime Teuteria e Tosca, San Giovanni in Foro e San Benedetto al Monte. Il secondo itinerario, invece, mirato alla valorizzazione e alla scoperta del quartiere di Veronetta, passerà da San Tomaso, per la visita all’organo legato a Mozart, e da Santa Maria al Paradiso, che ha uno dei reliquiari più grandi d’Europa. Ma si visiteranno anche San Nazaro, San Paolo e Santa Toscana.
Le novità si aggiungono all’ormai collaudato percorso “Rinascere dall’Acqua, Verona aldilà del fiume”.

Per sabato 15 e domenica 16 dicembre i gruppi sono già al completo, ma dal 22 dicembre i due nuovi itinerari saranno aperti ogni sabato dalle 10 alle 17.30.

Il progetto, grazie al servizio volontario dei cittadini, garantisce l’apertura e la custodia di 16 chiese della città, che potranno essere visitate nei seguenti orari: quelle del percorso “Rinascere dall’acqua, Verona Aldilà del fiume” dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 17.30; quelle degli altri due itinerari tutti i sabati dalle 10 alle 17.30.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.veronaminorhierusalem.it.

Il progetto, promosso dalla Diocesi di Verona in collaborazione con il Comune, è sostenuto da Banco Bpm e da Cattolica Assicurazioni.
I percorsi sono stati presentati lunedì mattina dal sindaco Federico Sboarina e dall’assessore alla Cultura Francesca Briani, insieme al vicario alla Cultura della Diocesi don Martino Signoretto, ideatore del progetto “Verona Minor Hierusalem”, e alla responsabile degli itinerari Paola Tessitore. Presenti anche Gianmarco Castellani di Bpm e Carlo Peretti di Cattolica Assicurazioni.

«Un progetto di elevata qualità – ha detto il sindaco - che in due anni è stato apprezzato da migliaia di visitatori e pellegrini. Percorsi alternativi che consentono anche ai turisti di scoprire luoghi e chiese di grande valore artistico, al di fuori degli itinerari più conosciuti. Crediamo davvero tanto in questa iniziativa e il coinvolgimento del Comune sarà sempre maggiore”.

“Ogni anno centinaia di volontari vengono formati per accogliere al meglio le persone che si recano nelle chiese scaligere – ha spiegato Briani –. Abbiamo un ricchissimo patrimonio che merita di essere conosciuto, ecco perché ringrazio tutti coloro che, attraverso un bellissimo lavoro di squadra, hanno ideato questi percorsi, coinvolgendo anche le scuole e l’università”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona Minor Hierusalem, 163 mila visitatori in 2 anni e nuovi itinerari in arrivo

VeronaSera è in caricamento