rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità Caldiero / Via Roma

Caldiero, accordo tra Ater e Comune per la permuta di due terreni

L'Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale e l'amministrazione comunale, intendono scambiarsi l'area "ex Casa Milani" con un terreno comunale in località Bambare

Il presidente dell'Ater Damiano Buffo e il sindaco di Caldiero Marcello Lovato hanno firmato oggi, martedì 17 dicembre 2019, un accordo importante per la cittadinanza, in particolar modo gli anziani della casa di riposo di Via Roma ed i residenti della limitrofa Via Salgaria.

Il Presidente Buffo ha sottolineato che «l'Ater ha accolto favorevolmente la proposta del Comune di Caldiero di permutare l'area "ex Casa Milani", di proprietà dell'Azienda, con un terreno comunale in località Bambare, che può essere considerato più adatto alla costruzione di un fabbricato di edilizia residenziale pubblica, al fine di concedere 18 mesi di comodato d'uso gratuito al Municipio di Caldiero per la realizzazione di un parcheggio che divenga un'utile pertinenza per la casa di riposo e i cittadini della zona».

Buffo e Lovato-2

Il Sindaco Lovato, ringraziando il Presidente Buffo per l'impegno profuso, ha ricordato «come questo accordo, già da tempo avviato ed oggi concluso, ci impegna alla realizzazione delle condizioni necessarie perché la permuta possa concretizzarsi rapidamente».

Damiano Buffo ha concluso: «La firma dell'accordo diviene un passaggio fondamentale per consentire, da un lato, al Comune di riqualificare un'area, mettendola a disposizione delle fasce più deboli della popolazione e, dall'altro, ad Ater di trasferire ogni onere fiscale e manutentivo, conseguendo risparmi economici in vista della predetta nuova costruzione per nuclei familiari bisognosi. Si tratterà, pertanto, di un esempio di buona amministrazione, basato sulla sinergia tra enti, finalizzata al bene comune».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldiero, accordo tra Ater e Comune per la permuta di due terreni

VeronaSera è in caricamento