rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Animali

Il ritorno del lupo in Italia: cosa c'è da sapere

Il lupo è tornato a popolare le nostre montagne. Scopriamo perché si tratta di una buona notizia per la natura e la biodiversità

Il ritorno del lupo in Italia è di enorme interesse e importanza sia dal punto di vista ecologico sia dal punto di vista culturale. Il lupo era infatti scomparso dal nostro territorio, basti pensare che mentre durante gli anni ‘50 la  specie si trovava lungo tutto l’Appennino, all’inizio degli anni ‘70 subì un duro attacco tanto da divenire specie protetta.

Nel 1971 i lupi presenti nella Penisola erano solo trecento, per questo iniziò la campagna del Parco Nazionale d’Abruzzo e del WWF per difendere e proteggere questa specie a rischio. Perché il lupo scomparve? Prima di tutto la caccia da parte dell’uomo ne dimezzò la specie, così come l’uso del veleno perché considerato un animale pericoloso per l’uomo e l’agricoltura.

Oggi, fortunatamente, si assiste a un ritorno del lupo che, pian piano, sta tornando a ripopolare le nostre montagne, sia Alpi sia Appennini. Infatti, vi sono diverse notizie che testimoniano come questi animali siano tornati sul nostro territorio, da Nord al Centro.

lupo-in-italia

Perché il lupo è importante in natura

La presenza del lupo in natura è fondamentale, perché questo animale svolge un ruolo ecologico in grado di garantire la biodiversità.

Ricordiamo che si tratta di un predatore, le cui prede sono gli ungulati selvatici, ossia cinghiali, cervi, caprioli, daini, camosci e mufloni. Il lupo è, quindi, il predatore in cima alla catena alimentare per questo garantisce un ecosistema in equilibrio e ricco di biodiversità, per tale motivo la sua presenza sul nostro territorio è essenziale.

Avvistamento orsi: cosa fare se li incontriamo in montagna

Lupo: un mito da sfatare

Complici anche le storie che i nostri genitori ci raccontavano da piccoli, ormai la figura del lupo è vista come animale cattivo e pericoloso per l’uomo.

In realtà, il lupo è pericoloso tanto quanto altri animali selvatici, come l’orso o il cinghiale; ed è interessante ricordare che negli ultimi anni non si sono verificati attacchi da parte del lupo verso l’essere umano. L’ultima testimonianza risale addirittura al 1805.

Cosa fare se si ha un incontro ravvicinato con un cinghiale

Il lupo quando percepisce la presenza dell’uomo si allonta, questo animale ha paura dell’uomo e se ne sta alla larga; basti pensare che riesce a sentire la nostra presenza a più di 1 Km di distanza. Per questo, la figura del lupo come pericoloso per l'uomo è soltanto nel nostro immaginario, è un mito assolutamente da scardinare poiché questo animale è da proteggere e tutelare per il benessere e l'equilibrio di tutto l'ecosistema.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno del lupo in Italia: cosa c'è da sapere

VeronaSera è in caricamento