Scatta lunedì 5 ottobre il blocco del traffico pesante lungo la Strada Statale 12

La misura è stata adottata in via sperimentale per un anno e riguarderà anche i veicoli a benzina Euro 0 e diesel Euro 0 e Euro 1. “E' una presa di posizione forte del Comune di Verona insieme agli altri cinque Comuni limitrofi"

Da lunedì 5 ottobre sarà vietato il passaggio dei mezzi pesanti sulla Statale 12, per tutti i giorni della settimana e per l'intera giornata; il divieto riguarderà anche i veicoli a benzina Euro 0 e diesel Euro 0 e Euro 1. Il provvedimento sarà attuato in via sperimentale per un anno.
I contenuti dell'ordinanza, firmata dal Sindaco Flavio Tosi a seguito dell'accordo raggiunto fra il Comune di Verona e i Comuni di Castel d'Azzano, Buttapietra, Isola della Scala, San Giovanni Lupatoto e Vigasio, sono stati illustrati oggi dall'assessore alla Viabilità Marco Ambrosini. Presenti i Sindaci di Castel d'Azzano Antonello Panuccio, di Vigasio Eddi Tosi e di Buttapietra Aldo Muraro e i comandanti della Polizia municipale di Verona Luigi Altamura e del consorzio dei comuni Fabrizio Materassi.
“E' una presa di posizione forte del Comune di Verona insieme agli altri cinque Comuni limitrofi - spiega Ambrosini- per fermare il traffico di attraversamento di una vasta area del territorio veronese, che presenta livelli particolarmente elevati di inquinamento atmosferico. E' un provvedimento quindi di natura ambientale, che non mira a penalizzare i mezzi degli operatori commerciali e artigianali della zona, ma a far sì che i mezzi pesanti, che transitano sulla s.s. 12 solo per accorciare il percorso o evitare il pedaggio autostradale, restino a circolare sulla 434 o sulla A22. Fra un anno sarà monitorata la qualità dell'aria, per verificare la riduzione degli inquinanti atmosferici. Questa forte sinergia fra Sindaci -continua Ambrosini- consentirà anche ai nostri Comuni di avere maggior peso nei confronti della Regione Veneto e dell'Anas per sbloccare il progetto di Variante della statale 12: è fondamentale infatti che la Regione mantenga, e trasmetta all'Anas, la priorità dell'opera e del suo finanziamento, come chiedono ormai da molti anni tutti gli abitanti della zona”.
Il divieto di transito sarà in vigore in via Belfiore (dall'intersezione con il tratto dell'omonima via che porta ai civici 198 e 200 fino a via Forte Tomba), in via Forte Tomba (da via Belfiore fino allo svincolo di entrata in Tangenziale sud), in via Vigasio e in strada La Rizza (dal confine con il comune di Castel d'Azzano fino allo svincolo in uscita dalla Tangenziale sud).
Il divieto di transito riguarda le seguenti categorie di veicoli: autoveicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 ton; autoveicoli a benzina Euro 0 non adibiti al trasporto pubblico; autoveicoli diesel Euro 0 e Euro 1 non adibiti a trasporto pubblico. Esclusi dal divieto residenti, mezzi di pronto intervento e soccorso, operatori economici con attività nella zona (da dichiarare in autocertificazione).
La sanzione per chi non rispetta il divieto sarà di 164 euro; nel caso di reiterazione della violazione nel biennio è prevista la sospensione della patente da 15 a 30 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Un successo la spesa a Km Zero a domicilio dei produttori veronesi

  • Colpito dal Coronavirus, è morto il campione delle bocce venete Giuliano Mirandola

  • Covid-19, nuova impennata di casi a Verona, ma prosegue il calo dei ricoveri

Torna su
VeronaSera è in caricamento