Motori bollenti per il XXX Rally Due Valli, finale di Coppa Italia

Venerdì e sabato nella provincia di Verona correranno i grandi nomi dell'automobilismo fuoristrada. Questa mattina alla conferenza di presentazione è stato esposto il programma dell'evento

Si è tenuta oggi nella nuova sede dell'A.C. Verona in via della Valverde 34 la conferenza stampa di presentazione del XXX Rally Due Valli, finale unica di Coppa Italia in programma venerdì 23 e sabato 24 novembre. Erano presenti il presidente dell'Automobile Club Verona Adriano Baso, il direttore Riccardo Cuomo, il presidente del comitato organizzatore Aci Verona Sport Pietro Zumerle, l'assessore allo Sport del Comune di Verona Marco Giorlo, l'assessore alla Mobilità e Trasporti del Comune di Verona Enrico Corsi, l'assessore allo Sport della Provincia di Verona Ruggero Pozzani, il dirigente settore sport del Comune di Verona Sandro Vazzoler e il vice comandante della Polizia Municipale Lorenzo Grella.

FINALE UNICA - Un'edizione davvero speciale per il Due Valli. La gara principe di Verona quest'anno sarà infatti valida come finale unica di Coppa Italia, oltre a festeggiare i suoi primi trent'anni. Ciliegina sulla torta la prova di apertura delle Torricelle, di quasi 3km, che darà inizio alle ostilità. Aci Verona Sport ha ringraziato tutta l'amministrazione comunale di Verona, che si è adoperata per riuscire in questa vera e propria impresa in scena venerdì 23 novembre dalle ore 20:30. Sarà massiccio l'impiego di commissari di percorso per la sicurezza di pubblico e piloti. 30 gli ufficiali di gara accuratamente selezionati, disposti a vista lungo il percorso ad una distanza uno dall'altro di circa 80mt. Per favorire un controllo più certosino, sarà vietato al pubblico camminare sul percorso di prova dal passaggio della vettura apripista “00” sino al passaggio della vettura “scopa”. Nella serata di venerdì il rally andrà inoltre in diretta, grazie alla collaborazione con Telearena, dalle ore 20:30 con possibilità di fruizione sia grazie ad un maxischermo installato in Piazza Brà sia in streaming anche su www.rallyduevalli.it Dopo il prologo la gara si sposterà ad Illasi, per disputare sabato 24 la parte centrale della corsa. Sei le prove speciali in programma, tre da ripetere per tre volte. Nell'ordine: la “Cattignano” che ha fatto selezioni inaspettate nelle edizioni passate, portando all'errore anche i più esperti che sarà allungata a quasi dieci chilometri (9,79 per l'esattezza). In seguito andranno in scena le due prove madri della gara. Prima la “San Francesco ViaVerde” con uno sviluppo di 17.76km che farà faticare anche i piloti più esperti. Terza ed ultima fatica del trio la “Bosco Chiesanuova” di 17,81km. In totale saranno 93,28 i chilometri di prove speciali, a fronte di un totale complessivo che sfiora i 300 chilometri (284,39km). Una percentuale chilometrica di prove speciale di tutto rispetto.

I PARTECIPANTI - Difficile sbilanciarsi in qualche pronostico. Il parco partenti è davvero di grande pregio, 110 le vetture moderne e 7 le vetture storiche, che saranno ammesse al seguito del plotone grazie ai regolamenti della Coppa Italia. Ma veniamo alla sfida vera, quella per il XXX Rally Due Valli vero e proprio. Umberto Scandola proverà a difendere lo scettro e la gloria a bordo di una Skoda Fabia S2000 identica a quella che ha giudato per tutta la stagione, che invece sarà nelle mani di Emanuele Arbetti vincitore qui nel 2010. Tra i non veronesi sicuramente favori del pronostico anche per Luca Cantamessa (Peugeot 207 S2000), già secondo al Due Valli nel 2001, che questa volta sarà in gara per mettere le mani sulla Coppa Italia. Dovrà vedersela con Andrea Smiderle (Peugeot 207 S2000) e non dovrà sottovalutare Massimo Dal Ben (Renault Clio R3) che seppure al via con una vettura inferiore potrebbe beneficiare della tanta discesa offerta dal percorso. Tra gli altri veronesi vanno ricordati senz'altro Luca Hoelbling (Fiat Punto S2000), Roberto Righetti (Peugeot 207 S2000) Renato Campedelli (Peugeot 207 S2000) e l'incognita Davide Pighi, terzo a sorpresa nel 2010 e quest'anno al debutto con la S2000 del Leone Rampante. Tra i non scaligeri da tenere d'occhio Andrea Dal Ponte (Peugeot 207 S2000) e Gianluca Acerbis (Proton Satria Neo) anche se quest'ultimo corre con una vettura molto difficile da portare al limite.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma in campagna, un mezzo agricolo si ribalta: morto un uomo

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'11 al 13 ottobre 2019

  • La "pacchia" è finita in tangenziale Nord a Verona: entra in funzione il nuovo autovelox

  • Camion sfonda il guard rail: traffico in tilt in autostrada e tangenziale

  • Nuovo autovelox in Tangenziale Nord, 366 multe nelle prime 12 ore

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato del piazzale

Torna su
VeronaSera è in caricamento