Verona Rugby, un rinforzo dalla Nuova Zelanda. È arrivato Sam Ulufonua

Si è già sottoposto alle visite mediche ed è già sceso in campo con i nuovi compagni di squadra al Payanini Center. Domenica, nel match con il Petrarca Padova potrebbe già fare il suo esordio in maglia antracite

Sam Ulufonua

Il Verona Rugby ha ufficializzato l'arrivo di Sam Ulufonua dal club neozelandese Hawkes's Bay.

Nato ad Auckland, in Nuova Zelanda, nel 1996 (ma per famiglia possiede anche la nazionalità tongana) e cresciuto rugbisticamente tra le fila del club cittadino, Ulufonua ha frequentato per due stagioni l'Academy di Auckland, periodo nel quale ha sfiorato la convocazione nella nazionale All Blacks Under 20, venendo escluso dall'ultima fase delle selezioni.
Terminato il percorso giovanile ha fatto il suo esordio con la maglia della prima squadra di Auckland. Nel 2018 è approdato agli Hawke's Bay e al termine dello scorso anno si è guadagnato l'opportunità di indossare la maglia della nazionale maggiore delle Isole Tonga nei test-match di novembre in vista dei prossimi Mondiali in Giappone.

Ulufonua è arrivato a Verona nei giorni scorsi, si è già sottoposto alle visite mediche di rito ed è già sceso in campo con i nuovi compagni di squadra per il suo primo allenamento al Payanini Center. Domenica, 17 febbraio, nel match con il Petrarca Padova potrebbe già fare il suo esordio in maglia antracite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono davvero entusiasta di essere qui - ha dichiarato il nuovo arrivo del Verona Rugby - È la mia prima volta in Italia e per me è una nuova avventura. L'impatto con il Payanini Center è stato incredibile: difficilmente mi è capito di vedere strutture di questo genere adibite al rugby. E poi l'Academy è un progetto molto importante. Per me è una nuova avventura e un'opportunità di vita e sportiva. In più sarà un'occasione di trovare continuità in vista dei Mondiali. I miei nuovi compagni sono molto disponibili e mi hanno accolto a braccia aperte. Ho trovato un gruppo molto affiatato e non vedo l'ora di scendere in campo al loro fianco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento