Spezia - Chievo Verona 0-0 | Tante occasioni sciupate, finisce a reti inviolate

Chievo sprecone nella prima frazione, rischia ma alla fine porta a casa un buon punto

Spezia - Chievo Verona 1 novembre 2019

A dispetto del risultato finale, quella tra Spezia e Chievo Verona è stata una partita molto gradevole e ricca di occasioni da rete. È mancato il gol, ma sia da una parte come dall'altra le opportunità per segnare sono state numerose. Nella prima frazione il Chievo ha fatto vedere le cose migliori, dimostrando una vera e propria supremazia in campo che non è però sfociata nell'agognato vantaggio. Prima Meggiorini, poi due volte Garritano (una clamorosa), così come anche Segre sono riusciti ad impensierire notevolmente l'estremo difensore dello Spezia Scuffet, senza tuttavia trovare il modo per batterlo.

Lo Spezia è sembrato essere alle corde già dopo la prima mezz'ora, macchinoso a centrocampo ed involuto in attacco. Complici anche due infortuni pesanti come quelli capitati a Vignali e Mora, i padroni di casa sembravano essere destinati a capitombolare da un momento all'altro. La loro bravura, ma forse anche il vero demerito del Chievo, è stato però quello di riuscire ad andare al riposo sul risultato di zero a zero. Anche per Marcolini, proprio qualche minuto prima del fine tempo, è arrivato qualche grattacapo: Meggiorini al 38° si è infortunato ed ha dovuto lasciare il campo, al suo posto è entrato il gigante Ceter che è stato poi comunque autore di una buona gara.

Nel secondo tempo la musica è però decisamente cambiata: a fare la parte del leone sono stati sin da subito i giocatori di casa, creando una serie di occasioni pericolose. Su tutte da ricordare il palo clamoroso colpito da Gudjohnsen al 51°. Tre minuti più tardi Marcolini ha cercato di correre ai ripari, inserendo Giaccherini al posto di Bertagnoli. Questa volta però, a differenza della sfida col Crotone, "Giak" non è riuscito ad incidere più di tanto. Il Chievo ha arretrato progressivamente il proprio baricentro, complice forse la stanchezza, pur senza rinunciare a qualche sortita offensiva. Nel complesso è stato però lo Spezia a cercare con più costanza la via della rete, tenendo fino alla fine in apprensione Semper, autore di una serie di parate importanti, una delle quali decisiva nei minuti di recupero su colpo di testa di Gyasi.

Un Chievo che, ancora una volta in questa stagione, si rivela dunque "a due facce", estremamente convincente nella prima frazione, molto meno nei secondi 45 minuti della gara. Resta comunque il fatto importante di aver portato a casa un punto contro una formazione in salute come lo Spezia, oltre al dato positivo di non aver subìto reti. Marcolini ha di che essere soddisfatto, ma dovrà certamente lavorare in settimana per cercare di dare maggiore continuità alla sua squadra. La testa va ora alla prossima sfida, domenica 10 novembre alle 21 quando al Bentegodi arriverà il Frosinone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

Torna su
VeronaSera è in caricamento