L'Hellas non riesce ad invertire la rotta

Un'altra sconfitta per la squadra di Giannini che scende ora all'ultimo posto in classifica

L'Hellas non riesce ad invertire la rotta
Ultimo in classifica a sei punti dalla vetta. Questo è il resoconto dopo le prime cinque giornate di campionato per l’Hellas Verona. Inutile dire che è uno score troppo basso per una squadra che punta alla risalita in B, ma se si dovesse andare avanti di questo passo si rischia di dover preoccuparsi di raggiungere una salvezza sicura.
 
A Gubbio la squadra di Giannini ha comunque mostrato un buon fraseggio a metà campo, soprattutto nella prima parte dell’incontro, ma ha pagato le solite ingenuità. Il primo gol subito con i gialloblu in dieci per la momentanea uscita dal campo di Anderson e provocato dall’incomprensione tra Rafael e Cangi ne è l’emblema. Un altro punto sul quale dovrà certamente lavorare il tecnico sono i calci d’angolo a favore, ieri gli scaligeri ne hanno avuto a disposizione ben 14 e in nessuno di questi sono mai riusciti ad impensierire il portiere avversario. La società ora corre ai ripari mandando la squadra in ritiro, la speranza è che i giocatori e il mister trovino la giusta tranquillità per risolvere i problemi che affligono la l’undici veronese in vista della trasferta di Reggio Emilia.

Intanto domenica Giannini dovrà probabilmente fare a meno di Berrettoni, gli esami del caso si faranno solamente domani, ma difficilmente il trequartista riuscirà a recuperare in tempo dal trauma distorsivo al ginocchio destro, Abbate invece dovrebbe tornare a disposizione. La società comunque conferma la fiducia all’allenatore romano, ma è chiaro che un’altra sconfitta metterebbe seriamente in pericolo la sua panchina.
 
In un campionato così equilibrato come quello della Lega Pro recuperare 6 punti dopo le prime giornate non è impossibile ma occorre una concretezza e una grinta che finora è stata vista solamente nella trasferta di Monza e nel caso in cui i punti dovessero aumentare si rischierebbe di vedere i fantasmi del prima stagione in C1, quando il Verona di Colomba, Sarri e Pellegrini rischiò la seconda retrocessione in due anni. “Il Principe” rimane però fiducioso, conscio che quello che contano sono i risultati, intende ripartire da ciò che di buono è stato fatto e conta di tornare dalla trasferta emiliana con qualche punto in più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari, ipotesi malore: muore imprenditore in Transpolesana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 febbraio 2020

  • Rubavano dalla cassa del negozio per cui lavoravano: commesse in manette

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

  • Finalmente insieme a Verona i vincitori del concorso di San Valentino

Torna su
VeronaSera è in caricamento