L'Hellas si gode la vittoria, ma ora tocca a Milan e Juve: «Dovremo essere tosti»

Con il successo contro il Lecce i gialloblu hanno raggiunto quota 4 punti in classifica, ma al rientro dalla pausa arrivano subito due sfide molto complicate

 

La prima vittoria in campionato della gestione Juric è arrivata alla seconda giornata sul campo del Lecce, consegnando così all'Hellas Verona tre punti importanti per la classifica. Lo scontro salvezza è stato deciso nel finale dall'ex Pessina, arrivato nei giorni scorsi dall'Atalanta, al termine di una gara tutto sommato equilibrata ma che alla fine ha premiato la formazione che forse ha costruito di più. 
Soddisfatto dunque l'allenatore croato al termine dalla sfida, come riporta il sito ufficiale della società. 

Vincere? Serve sempre, il primo tempo è stato splendido con tante palle gol, meritavamo di segnare due-tre gol e dovevamo riuscire a segnare, poi ci siamo riusciti nel secondo tempo e penso che il risultato sia giusto. La avevamo preparata così, aggressiva, provando ad andare a prenderli alti e su questo abbiamo sorpreso il Lecce in avvio. Nel secondo tempo ci siamo chiusi per ripartire bene, oggi voglio dare i giusti meriti ai ragazzi, l'unico rammarico è non aver fatto altrettanti gol rispetto a quanto abbiamo creato. Il secondo tempo? Abbiamo tanti nuovi arrivati e alcuni elementi non ancora al top della condizione, quindi il calo ci stava ma abbiamo tenuto botta alla grande. Il nostro obiettivo, ripeto, è chiarissimo e proprio per questo può essere una bella stagione cercando di raggiungerlo. Milan? Siamo contenti di essere partiti così, ora arrivano appunto Milan e Juve e dovremo essere tosti come in queste due partite nonostante la maggiore difficoltà degli avversari. 

GOL E HIGHLIGHTS DELLA PARTITA 

Deciso ancora una volta con i suoi interventi, Marco Silvestri è soddisfatto del carattere messo in campo dalla squadra. 

Punti importanti? Oggi mi è piaciuta la voglia di portarla a casa, era tanto importante per noi e abbiamo spinto tutti verso il gol. Il carattere delle prime partite? Abbiamo iniziato fin da subito a creare gruppo con tutti i ragazzi nuovi che sono arrivati, penso che questo faccia la differenza perché in partite come oggi e quella con il Bologna, in cui siamo rimasti in dieci per quasi 80', riesci a strappare punti e risultati positivi solo se c'è qualcosa di importante dietro. La parata su Mancosu? Un bell'intervento anche per il momento in cui l'ho fatta, non è mai facile rimanere sempre concentrati quando non sei impegnato per tanti minuti. Voglio rivederla perché secondo me lui avrebbe voluto calciare alla mia destra, è stato Faraoni a smorzarla. In un attimo mi sono disteso e ci sono arrivato, meno male altrimenti sarebbe stata una beffa. Tre punti che valgono di più? Abbiamo fatto indubbiamente una buona partita, se fossimo stati avanti dopo il primo tempo nessuno avrebbe potuto dire nulla, mentre nelle ripresa abbiamo un po' sofferto ma penso sia giusto perché loro sono una squadra tosta e giocavano in casa. Anche se è solo la seconda era già una gara importante, ora c'è la sosta e possiamo pensare che abbiamo fatto 4 punti importanti, lavorando per fare ancora meglio e crescere a livello di gruppo. Subiamo meno? In difesa abbiamo lavorato molto bene, abbiamo carattere e si è visto anche contro il Bologna in inferiorità numerica. Zaccagni? Lui ha qualità impressionanti, deve continuare così e dimostrare a tutti di cosa è capace. Lo avrebbe già fatto se solo non si fosse fatto male due anni fa, ma è importantissimo per noi e deve continuare in questo modo. I tifosi qui? Loro sono così e li conosciamo bene e penso che oggi come nella scorsa partita possano dirsi orgogliosi: c'era in campo una squadra con gli attributi. Juric? Il Mister è una persona carismatica e ci trasmette tanto ogni giorno, vuole che lavoriamo sempre al massimo perché ogni allenamento è fondamentale per crescere tutti assime e ha ragione. Dopo la sosta? Abbiamo Milan e Juve e sarà dura, ma vogliamo vendere cara la pelle. 

Entrato questa volta nella ripresa, Valerio Verre ha raccontato questo inizio di stagione. 

Come nasce la vittoria? Abbiamo creato numerose palle gol, anche per questo meritavamo di vincere la partita, e poi c'è un gruppo che sta crescendo di giorno in giorno ed è importantissimo. Pessina? Matteo è stato molto bravo, ha segnato un gol molto bello dopo una gran giocata di tutti quanti: ci stiamo conoscendo ogni giorno di più e ognuno di noi ha qualità e la sostanza da mettere a disposizione della squadra. Nuovo ruolo? Dietro le punte mi trovo bene, ma il mister sa che sono a disposizione per ogni cosa mi chieda: ad esempio oggi c'era bisogno di tenere il pallone e far girare la squadra, perché è normale che quando segni devi sacrificarti, ma si fa di tutto per la vittoria. I tuoi inserimenti quando arriveranno? Ne farò, siamo comunque una squadra compatta che si dedica molto al pressing. Mercato? Punte forti ne abbiamo, ma questo è un argomento che riguarda il direttore e la società. Classifica? 4 punti in due partite con uno scontro diretto vinto fuori casa è importante. L'obiettivo è quello di muovere la classifica, cercare continuità di risultati. Henderson la chiave in marcatura su Tachtsidis? Il Mister gli ha chiesto un lavoro di sacrificio e, soprattutto nel primo tempo, abbiamo creato tanto anche grazie a lui. 

I gialloblu ora si godranno qualche giorno di riposo e il 4 torneranno ad allenarsi a Peschiera, in vista degli impegni che li attendono contro Milan e Juventus, che potranno affrontare con già 4 punti messi da parte. 

CALCIOMERCATO - Nel frattempo la società continua a lavorare per cercare una punta affidabile da inserire nell'organico. Intanto nei giorni scorsi è stato ufficializzato nei giorni scorsi l'arrivo in prestito dal Genoa dell'attaccante 2001 Eddie Salcedo, mentre, a titolo definitivo, è approdato sulle sponde dell'Adige Bogdan Jocic dal FK Crvena Zvezda, giovane centrocampista anche lui classe 2001.
Sul fronte delle uscite invece, si è concretizzato il trasferimento a titolo temporaneo di Ragusa a Lo Spezia. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento