Il Verona si gode la vittoria sulla Samp, Juric: «Sono contento, 3 punti importanti»

Soddisfatto della buona prova dei suoi il tecnico gialloblu ha elogiato soprattutto Kumbulla e Stepinski

 

Si è detto felice e soddisfatto della prova dei suoi ragazzi, mister Ivan Juric dopo la bella vittoria casalinga contro la Sampdoria per due a zero, grazie alle reti di Kumbulla e Veloso. 

«La squadra ha fatto una partita importante in tutti i sensi: precisa nel pressing e granitica quando si è difesa. - ha spiegato al termine della gara Juric - Era importante fare i 3 punti perché altrimenti sarebbe stata solo l’ennesima buona prestazione, e quella non ci bastava più».

Il mister si è poi soffermato sulla prestazione sontuosa di Kumbulla: «Quando facevamo le partitine in allenamento l’attaccante avversario non faceva mai gol: quello per me è stato un segnale di quanto poteva far bene. È un ragazzo molto serio e io ho provato a inserirlo. Poi lui ha testa e grande applicazione: impara sempre tanto, giorno dopo giorno. È veloce, forte fisicamente e "legge" bene le situazioni di gioco: devo dire che fino ad ora ha fatto molto bene».

Parole di elogio da parte del tecnico gialloblu sono quindi arrivate anche nei confronti di Stepinski, autore di un'ottima partita pur non essendo riuscito ad andarte in gol: «Stepinski ha un atteggiamento straordinario per come lavora, - ha spiegato Ivan Juric - ho visto pochi attaccanti cercare di migliorarsi costantemente: rimane ore e ore ad allenarsi e io sono convinto che quando fai così poi arrivano i risultati. Oggi ha fatto bene e sono sicuro che farà ancora meglio perché ha una determinazione pazzesca».

E proprio l'ex attaccante del Chievo nel post partita di sabato ha spiegato così quello che vuole essere il suo contributo alla squadra: «La cosa più importante è vincere e aiutare la squadra. - ha detto stepinski - Siamo una famiglia e dobbiamo fare più punti possibili. L'obiettivo era vincere e l'abbiamo raggiunto. Il campionato è ancora lungo e ci aspettano gare importanti». Poi una breve riflessione sulla prossima difficile sfida che attende il Verona dopo la sosta per le nazionali contro il Napoli: «Abbiamo dimostrato di saper fare punti in traferta, come a Cagliari, quindi andremo lì con la mentalità vincente per fare risultato». Certo è sempre meglio giocare al Bentegodi, come non ha mancato di sottolineare l'attaccante gialloblu: «È bellissimo giocare davanti ai nostri tifosi. Quando battiamo gli angoli non riusciamo a parlare tra di noi tanto è forte il frastuono del tifo».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento