L'Hellas abbatte la Samp: Kumbulla e Veloso fanno esultare il Bentegodi

Con una rete per tempo i gialloblu conquistano l'intera posta in palio prima della pausa per le nazionali, al termine di una partita che li ha visti sempre in pieno controllo, senza soffrire particolarmente l'avversario

Kumbulla esulta dopo il primo gol - Foto Ansa

È arrivata la prima vittoria stagionale davanti al proprio pubblico per l'Hellas Verona, che nella settima giornata di Serie A ha battuto la Sampdoria allo stadio Bentegodi per 2-0. 

Partendo con Salcedo e Pessina al posto di Zaccagni e Verre, Juric ha sopreso un po' tutti rispetto alle previsioni della vigilia, ma il suo undici si è comunque dimostrato quadrato e attento sul terreno di gioco, dove da subito ha cercato di prendere in mano le operazioni. E il gol dei gialloblu questa volta non si è fatto attendere: all'8' infatti, Kumbulla ha potuto staccare tutto solo e mandare in rete di testa il corner di Veloso, battendo l'incolpevole Audero. 
Ferita, la Samp ha cercato di rimettere insieme i cocci e reagire, senza però convincere. Oltre agli evidenti limiti di gioco, la formazione di Di Francesco è apparsa ancora piuttosto confusionaria, senza idee chiare e con delle difficoltà caratteriali che non le hanno permesso di restare ben concentrata sulla partita. I blucerchiati quindi ha provato a spingere, portandosi anche a ridosso dell'area avversaria, venendo però puntualmente respinti. Le due principali occasioni per gli ospiti nei primi 45 minuti infatti, sono state una mancata deviazione di testa di Bonazzoli al 20' e un batti e ribatti in area venti minuti dopo. Senza tenere il piede costantemente sull'acceleratore, i padroni di casa sono dunque riusciti ad arginare bene i blucerchiati e a cercare l'affondo sulle fasce, soprattutto su quella sinistra, sbagliando spesso però l'ultimo passaggio. Con Veloso e Amrabat padroni del centrocampo, i gialloblu hanno sprecato alcune buone situazioni, specialmente nel finale, quando il mediamo marocchino si è lanciato in una splendida discesa ed ha servito in area Stepinski, ma il suo destro ha trovato però la respinta idi Audero.

Con una diversa disposizione sul terreno di gioco, nel secondo tempo i ragazzi di Di Francesco hanno provato a tirare fuori l'orgoglio e a proiettarsi con maggiore convinzione in avanti. La linea arretrata Rrhamani-Kumbulla-Gunter, è però riuscita a respingere senza particolari affanni gli attacchi ospiti, contando anche sulla buona fase difensiva del centrocampo, in primis degli esterni. Meno "rabbioso" in fase di ripartenza, l'Hellas non ha comunque rinunciato al recupero immediato della sfera quando possibile ed è sembrato più che altro attendere il momento giusto per chiudere la partita. Al 56' ci ha provato Pessina da lontano, trovando il portiere ligure pronto, mentre un minuto dopo Vieira ha calciato alto dal limite. 
Partita la giradola dei cambi, il match è proseguito su buoni ritmi anche se mai altissimi, mentre Veloso si rendeva pericoloso puntando la porta o servendo assist da ogni calcio piazzato. Il primo tiro in porta degli ospiti è arrivato al 69' con Caprari, che ha trovato Silvestri attento, mentre cinque minuti ci ha provato Quagliarella con un colpo di testa ravvicinato, respinto dall'estremo difensore scaligero. A mettere definitivamente la parola fine al match ci ha pensato una punizione del solito Veloso all'81', sulla quale è intervenuto maldestramente Murru di testa, ingannando così anche il proprio portiere. Nel recupero ci ha provato Rigoni, ma il suo sinistro è terminato a lato. 

IL TABELLINO

Ancora una prova convincente per l'Hellas Verona, che trova la sua seconda vittoria del campionato e allunga così sulla zona più pericolosa della classifica. L'organizzazione e la foga della squadra di Juric hanno premiato anche questa volta, nonostante resti ancora migliorabile la fase offensiva, dove spesso vengono sprecate delle situazioni favorevoli. Buona la prova di Salcedo, che ha tenuto in appresione la retroguardia blucerchiata, ottima quella di Kumbulla (e anche dei suoi compagni di reparto), che oltre alla rete è stato protagonista di alcuni ottimi interventi. 
È arrivato adesso il momento della seconda pausa per il campionato, dovuta alle partite delle nazionali: al rientro, alle 18 di sabato 19 ottobre, gli scaligeri faranno visita al Napoli. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'11 al 13 ottobre 2019

  • La "pacchia" è finita in tangenziale Nord a Verona: entra in funzione il nuovo autovelox

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato nel piazzale

  • Nuovo autovelox in Tangenziale Nord, 366 multe nelle prime 12 ore

  • Camion sfonda il guard rail: traffico in tilt in autostrada e tangenziale

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

Torna su
VeronaSera è in caricamento