Hellas Verona: "Nessun investimento e nessun contenzioso con Volpi"

La vicenda è stata riaperta dalle parole del braccio destro di Volpi, Gianpiero Fiorani, che ha parlato di un prestito in favore della società gialloblu

Non esiste alcun contenzioso in corso tra Gabriele Volpi, o società a lui riconducibili, e l'Hellas Verona. Gabriele Volpi, o società a lui riconducibili, non ha mai fatto investimenti o finanziamenti a vantaggio dell'Hellas Verona. Non esiste alcun contenzioso in corso tra Gabriele Volpi e Maurizio Setti, al quale, in ogni caso, non si può imputare di non avere rispettato asserite e imprecisate intese. L'Hellas Verona e i sui organi si riservano di agire, in ogni sede, contro coloro che continueranno a rappresentare una falsa realtà delle sue vicende societarie.

La società gialloblu è intervenuta in questo modo, e per la seconda volta in tre mesi, sui legami ipotetici e finora mai realmente dimostrati tra Gabriele Volpi e Maurizio Setti. Legami che avevano fatto addirittura supporre che Setti non fosse il vero proprietario dell'Hellas, ma che il club appartenesse di fatto a Volpi, uomo d'affari ligure, che nel mondo dello sport è già proprietario della pallanuoto Pro Recco e della squadra di calcio di La Spezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Hellas è dovuta intervenire di nuovo, in seguito ad alcune dichiarazioni rilasciate dal braccio destro di Volpi, Gianpiero Fiorani, durante una cena di Natale. Come scrive Andrea Bonatti su Città della Spezia, Fiorani ha parlato di un "contenzioso l'Hellas" e di "interessamento che non si è concretizzato". Nello specifico, Gianpiero Fiorani ha spiegato che tra Volpi e Setti c'era una simpatia che ha spinto Volpi a compiere un investimento, pur senza avere partecipazioni o ruoli all'interno della società gialloblu. Una simpatia poi rovinata, sempre secondo la ricostruzione di Fiorani, dal mancato rispetto dell'intesa da parte di Maurizio Setti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento