L'Hellas Verona chiude il calciomercato con i colpi Stepinski e Wesley

Il giovane attaccante polacco è stato prelevato dal Chievo al costo di cinque milioni e mezzo di euro, mentre l'esterno brasiliano è arrivato a parametro zero con "la regia della Juventus"

Mariusz Stępiński - Foto dalla pagina Facebook Hellas Verona FC

Il calciomercato dell'Hellas Verona si è chiuso con l'arrivo dell'attaccante tanto atteso da Juric. Per cinque milionie mezzo di euro infatti Stepinski è approdato in gialloblu dall'altra sponda dell'Adige. Ecco il comunicato ufficiale della società. 

Hellas Verona FC comunica di aver acquisito a titolo definitivo da AC ChievoVerona i diritti alle prestazioni sportive di Mariusz Stępiński. Punta centrale classe 1995, il 24enne polacco - nato nel giorno del 10° anniversario del tricolore gialloblù, ovvero il 12 maggio - si è legato al Club di via Olanda 11 sino al 30 giugno 2024.
Risale al 2 febbraio 2013 la sua prima apparizione con la maglia della Nazionale polacca, all'età di soli 17 anni. Arrivato in Italia nell'estate del 2017, Stępiński è risultato decisivo per la permanenza in A del Chievo, nella stagione 2017-2018, realizzando 4 gol - tre dei quali contro Milan, Napoli e Inter - nelle ultime 11 partite. Con i clivensi ha disputato due campionati di serie A, realizzando complessivamente 11 reti, cinque nella stagione 2017-2018 e sei (più due assist-gol) nella stagione 2018-2019.

Ma nel pomeriggio del 2 settembre, un altro colpo è stato messo a segno dalla dirigenza scaligera. A parametro zero (i più informati sottolineano "con la regia della Juventus") è arrivato De Oliveira Andrade Wesley David, classe 2000 svincolato dal Flamengo, che dopo aver trascorso un periodo di prova proprio con i bianconeri, ha sottoscritto un contratto che lo lega ai gialloblu fino al 2021. 
Anche due cessioni in prestito sono state registrate nello stesso giorno: quella di Abdoulaye Traore al Rende Calcio 1968 e quella di Nicola Borghetto all'AS Bisceglie. 

Tornando al calcio giocato, Gennaro Tutino si è sottoposto ad una visita specialistica che ha evidenziato "una frattura non scomposta della piramide nasale, conseguenza di un fortuito scontro di gioco a fine primo tempo della partita di domenica sera a Lecce". Non è necessario dunque che il giocatore si sottoponga ad un intervento chirurgico: "una maschera di protezione consentirà a Tutino di proseguire regolarmente ad allenarsi e a giocare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento