Hellas Verona - Ascoli, le probabili formazioni | In difesa torna Marrone?

Recuperato dall'infortunio, il giocatore torna a disposizione di Grosso che potrebbe affiancarlo a Bianchetti a discapito di Empereur, vista anche l'assenza di Dawidowicz. In attacco solito ballottaggio tra Pazzini e Di Carmine

Luca Marrone

La ventinovesima giornata del campionato di Serie B mette di fronte allo stadio Bentegodi, alle 18 di sabato 16 marzo, Hellas Verona ed Ascoli. 

Due vittorie consecutive hanno lanciato gli scaligeri al terzo posto, dopo un inizio di 2019 piuttosto complicato. Contro Venezia e Perugia sono arrivate anche delle ottime prestazioni dalla squadra di Grosso, che potrebbe aver trovato la soluzione ai suoi problemi: serve però una vittoria per non interrompere la corsa e mettere pressione alle prime due della classe. 
La formazione allenata da Vivarini arriva da quattro risultati utili consecutivi, che le hanno permesso di mettere quattro lunghezze tra sé e la zona playout. Un margine che resta comunque poco rassicurante per i marchigiani, che vorranno fare punti al Bentegodi per evitare di essere risucchiati nelle posizioni più "pericolose" del campionato. 

I PRECEDENTI - Nei 10 precedenti disputati allo stadio Bentegodi tra le due formazioni nel campionato cadetto, sono ben 7 i successi dei padroni di casa, contro i 1 degli avversari, mentre in un'occasione la sfida è terminata in pareggio. 

QUI HELLAS VERONA - «L'Ascoli? E' una partita complicata, anche se non cambia da una all'altra in un campionato equilibrato come questo. Dobbiamo essere bravi a mantenere la lucidità e la determinazione che ci hanno accompagnato ad arrivare a questo momento, sapendo che le difficoltà saranno alte e dovremo essere bravi a gestirle durante la partita per cercare di vincerla. Sfida spartiacque? Noi per primi vogliamo dare questo segnale, quello di una squadra che c'è e che vuole essere protagonista in questo campionato. Mancano ancora diverse giornate e dobbiamo affrontare obiettivi vicini, e al momento c'è quello di affrontare un avversario che viene da quattro risultati utili e da tre trasferte senza sconfitte, che quindi sicuramente ci creerà delle difficoltà. Dovremo fare con pazienza e lucidità una grandissima partita: solo così si porterà a casa il risultato che vogliamo. Gli infortunati? E' bello cominciare a riavere i giocatori a disposizione, perché abbiamo grandi doti all'interno del gruppo: domani sarà importante chi inizierà la partita ma sarà determinante chi subentrerà, cercando di incidere come ultimamente è successo a chi è entrato. Bianchetti leader silenzioso? Lo è tutti i giorni, per il suo modo di fare e l'atteggiamento che ha tutti i giorni: sicuramente è un esempio per tutti i suoi compagni. Ma ognuno dei ragazzi ha le proprie caratteristiche, Matteo è un ragazzo che ha dimostrato - dopo una lunghissima assenza - di avere tutte le qualità per essere un giocatore molto importante per questo Verona. I tifosi presenti numerosi allo stadio? Me lo auguro, noi dalla nostra parte stiamo lavorando tutti per raggiungere un obiettivo comune, ci dà una grande carica quello che sappiamo questa tifoseria può dare alla squadra. Che Ascoli mi aspetto? E' una squadra che si fa valere, che ha qualità nel reparto offensivo ed esperienza a centrocampo abbinata a grande dinamicità negli interpreti più giovani. Ha le armi per poter dare fastidio a chiunque. I nostri margini di miglioramento? Non ci dobbiamo porre limiti, questa è una squadra che deve mettere alla base grande umiltà e determinazione per affrontare quotidianamente gli allenamenti e ogni partita che arriva. E deve essere ambiziosa, caratteristica che va coltivata con i risultati».
Recuperati Marrone e Crescenzi, Fabio Grosso non dovrebbe avere a disposizione Tozzo, Kumbulla, Vitale, Munari, Zaccagni, Ragusa e Matos, oltre allo squalificato Dawidowicz. In difesa dunque Empereur e Marrone si giocheranno un posto vicino a Bianchetti, mentre i due terzini dovrebbero essere Faraoni e Balkovec. A centrocampo i favoriti per partire dall'inizio sembrano essere Henderson, Gustafson e Laribi, con Danzi e Colombatto pronti a dare il proprio contributo. In attacco è sempre d'attualità il ballottaggio tra Pazzini e Di Carmine, mentre sulle ali dovrebbero correre Lee e Di Gaudio. 

QUI ASCOLI - «Brosco ha accusato uno stato influenzale e quindi è da valutare, vedremo domani; Lanni è tornato, sta lavorando per ritrovare la migliore condizione, siamo felici per questo. Livorno? Mi è piaciuta la compattezza di squadra, abbiamo concesso molto poco al Livorno, squadra peraltro in grande condizione, abbiamo limitato le giocate avversarie. Non mi è piaciuto il risultato e un po' il secondo tempo in cui abbiamo messo in campo minore convinzione nella ricerca del risultato pieno. Domani col Verona dovremo riproporre la compattezza di squadra e il pensiero positivo nell'affrontare la gara, servirà l'aiuto di tutti per ottenere il risultato contro una grandissima squadra. Il Verona ha due squadre in organico, ha 24-25 giocatori di altissimo livello, può permettersi di avere in panchina Pazzini. E' una squadra costruita per stravincere il campionato, sta vivendo peraltro un momento molto positivo per quanto riguarda la condizione, sarà necessario il miglior Ascoli, servirà la partita perfetta per fare risultato. Abbiamo visto le immagini della gara di Perugia e il Verona si è mostrata squadra molto aggressiva, non ha lasciato giocare l'avversario, quindi domani ci aspettiamo lo stesso spirito aggressivo, ma noi abbiamo le nostre armi che potranno creare grandi problemi anche al Verona. Beretta-Rosseti? Valuteremo domattina, Beretta accusa ancora dolori alla caviglia. Brosco è per noi un calciatore motlo importante, ma Quaranta quando è stato chiamato in causa si è comportato molto bene, dobbiamo essere ottimisti, valuteremo domani sperando che Brosco riesca a scendere in campo. Ho visto Troiano abbastanza in palla, da qualche giorno è rientrato normalmente in squadra. Bisogna assolutamente portare a casa il risultato, servirà massima attenzione». 
Queste le parole di Vivarini alla vigili della partita del Bentegodi. Privo dello squalificato Ganz e degli infortunati Ardemagni e Valentini, l'allenatore in attacco potrebbe schierare la coppia Beretta-Rossetti, con Ngombo pronto però a giocarsi una maglia da titolare, con Ninkovic dietro le loro spalle. Troiano dovrebbe dunque tornare a centrocampo con Addae e Frattesi, mentre resta vivo il ballottaggio Brosco-Quaranta, uno dei quali completerà la difesa con Laverone, Padella e D'Elia. 

ARBITRO - Luigi Pillitteri della sezione di Palermo. 

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Congresso Mondiale delle Famiglie, neanche dalla Chiesa appoggio pieno

  • Cronaca

    Intossicazione da monossido a Gazzo Veronese, in tre all'ospedale

  • Cronaca

    Esplosione in una palazzina, allarme in zona Stadio: incendio domato

  • Attualità

    Nadia e Laura Maso perdonano complice del fratello nel delitto di Montecchia

I più letti della settimana

  • San Giovanni Ilarione, motociclista esce di strada in via Fusa e perde la vita

  • La rapina dell'auto finisce in trageda: resiste ai banditi, viene investita e muore

  • Atterraggio di emergenza a Londra per un Airbus decollato da Verona

  • Minacce di morte e un'auto bruciata a Vigasio: 5 arresti dei carabinieri per tentata estorsione

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 marzo 2019

  • Verona fortunata al SuperEnalotto: giocata una schedina da 40 mila euro

Torna su
VeronaSera è in caricamento