Hellas, la pausa arriva la momento giusto: "Importante per recuperare energie"

Dopo la pesante sconfitta subita in casa contro l'Atalanta, i gialloblu hanno due settimane per preparare la trasferta del 31 marzo contro l'Inter, che anticipa le sfide con Benevento e Cagliari

La serie di due vittorie consecutive dell'Hellas Verona si è conclusa domenica nel peggiore dei modi allo stadio Bentegodi, con un sconfitta dal passivo pesante e soprattutto una brutta prestazione sotto tutti punti di vista. 
Contro l'Atalanta i gialloblu non sono riusciti a portare in campo quello spirito combattivo che aveva contraddistinto le ultime due uscite, frastornati probabilmente anche dal gol di Cristante arrivato al 2', lasciando così emergere i propri limiti e difetti, contro un avversario che non ha avuto alcuna pietà. Al termine del match, come riporta il sito ufficiale della società, lo stesso Fabio Pecchia ha sottolineato la partita non all'altezza dei suoi e l'importanza dell'arrivo della pausa per le nazionali in un momento in cui è importante recuperare le energie in vista del rush finale. 

Vista la prestazione dimostrata in campo ci meritiamo questa sconfitta, arrivata contro una squadra in grande forma e molto preparata. È una partita da cui dobbiamo saper trovare gli stimoli e le lezioni giuste per il futuro, per andare avanti con umiltà e concentrazione. Abbiamo sofferto sulle cose in cui siamo più insicuri, quando non riusciamo ad affrontare la gara con il piglio che sappiamo, passiamo in svantaggio facilmente e da lì diventa tutto più difficile. La pausa? Importante per poter recuperare la condizione di qualche nostro giocatore e le energie giuste a livello fisico e mentale; dobbiamo sempre giocare al massimo delle nostre possibilità. Salvezza? Si può perdere 1-0 o 5-0, i gol di scarto sono pesanti ma arrivati a questo punto della stagione dobbiamo essere capaci di lasciarci alle spalle le cose negative e di guardare sempre avanti, siamo ancora a 3 punti dal nostro obiettivo. 

Nonostante il suo scarso feeling con il gol, il lavoro svolto in campo da Bruno Petkovic è diventato sempre più importante per questo Verona. Anche l'attaccante però domenica non ha brillato e ora sprona la squadra a ripartire proprio dagli errori commessi.

E' un risultato che fa male sotto tutti i punti di vista, abbiamo sbagliato tanto contro una squadra con giocatori di grande qualità che al minimo sbaglio non perdonano, la sconfitta è meritata. Sapevamo che avremmo sofferto, l'Atalanta è una squadra forte che mette in difficoltà qualsiasi avversario, i gol che abbiamo subito all'inizio e alla fine del primo tempo ci hanno tagliato le gambe. Forse ci sentivamo troppo convinti dopo le due vittorie di fila, anche se sapevamo di non aver fatto niente. I tifosi? Ci hanno sostenuto dall'inizio alla fine e ci dispiace per la prestazione che abbiamo messo in campo, chiediamo scusa. Dobbiamo ripartire, la sosta ci aiuterà a lavorare con umiltà sugli errori che abbiamo commesso oggi

Al rientro dalla pausa delle nazionali, il club scaligero sarà chiamato a tre delicati incontri in una settimana: sabato 31 marzo infatti farà visita all'Inter, mercoledì 4 aprile al Benevento e domenica 8 riceverà al Bentegodi il Cagliari. 
Il tempo dei passi falsi per il Verona è finito e, almeno contro le dirette concorrenti, deve riuscire a fare punti per non dover abbandonare prematuramente la corsa alla salvezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento