Hellas Verona - Crotone 1-1 | Gialloblu ad un passo dall'ennesimo disastro

Una rete di Di Carmine al 78' ha salvato i padroni di casa da una bruttissima sconfitta contro i calabresi, passati in vantaggio ad inizio ripresa con Pettinari. Usciti per infortunio Munari e Matos

Fabio Grosso

Il 2019 maledetto dell'Hellas Verona non sembra avere termine: nella ventitreesima giornata i gialloblu hanno agguantato il pareggio solamente nel finale contro il Crotone, rimasto in inferiorità numerica a metà della ripresa. 

E pensare che l'inizio di partita della squadra di Grosso è stato molto promettente, con Zaccagni che dopo neppure due minuti si è divorato la rete del vantaggio di testa, dopo che Gustafson era riuscito a mettere in area dalla destra, trovando la spizzata smarcante di Di Gaudio. Da lì in poi però a guadagnare terreno sono stati i ragazzi di Stroppa, mentre il tecnico scaligero ha pagato subito il suo azzardo: dopo aver ripreso ad allenarsi nel mese di novembre in seguito ad un infortunio al ginocchio, Munari, mandato in campo dall'inizio, dopo pochi minuti ha dovuto lasciare spazio a Colombatto per un problema all'articolazione. Su ritmi bassi, la partita è poi proseguita con il gioco in mano ai calabresi, mentre i padroni di casa hanno provato a ripartire in velocità, incontrando enormi problemi quando si è trattato di amministrare il possesso della sfera, anche a causa del pressing avversario, non apparso però così forsennato. Il match è dunque proseguito con poche occasioni da rete e con Di Carmine che si è visto soprattutto per l'entrataccia su Vaisanen, che ha costretto il difensore ad abbandonare il terreno di gioco, a causa del grosso taglio riportato (un fallo che, tra l'altro, Piccini incredibilmente non ha ritenuto necessario sanzionare con il cartellino giallo). Rispetto ad altre occasioni, gli scaligeri hanno faticato anche a sfondare sulle fasce, non riuscendo così ad innescare il loro bomber. Nel finale è stato dunque Marrone a provare a sorprendere Cordaz, ma la sua incornata in totale solitudine non ha centrato lo specchio. 

Nel secondo tempo la partita è ripresa su ritmi più alti rispetto alla prima frazione e dopo cinque minuti di gioco, l'Hellas ha subito dovuto incassare un duro doppio colpo: con Matos fuori dal campo per un contatto con Barberis (sul quale l'arbitro ha sorvolato), il Crotone è riuscito a passare in vantaggio con la fortunata deviazione sotto misura di Pettinari, mentre il brasiliano ha dovuto chiedere il cambio. Anziché gettare subito nella mischia Pazzini, Grosso ha scelto però di giocarsi la carta Tupta: i gialloblu hanno abbozzato allora una timida reazione, che ha portato solo ad un altro colpo di testa di Marrone. Al 63' però è arrivato un nuovo colpo di scena, quando Rohden, già ammonito, ha steso Zaccagni al limite con una spinta, guadagnandosi la via degli spogliatoi anzitempo. 
È iniziata così un'altra partita, con la formazione di Stroppa rintanata nella propria metà campo a difesa del risultato e i gialloblu all'attacco per cercare di rimettere in equilibrio il risultato. Gli assalti dei padroni di casa hanno dato i loro frutti al 78', quando Di Carmine ha trovato il giusto corridoio in area per battere Cordaz. Nel finale gli ultimi tentativi di ribaltare il risultato da parte dell'Hellas non sono andati a buon fine, con Gustafson che poco prima del novantesimo ha sprecato una clamorosa palla gol, facendosi ipnotizzare da Cordaz. 

Sommerso ancora una volta dai fischi del Bentegodi, l'Hellas Verona è uscito dal campo dopo l'ennesima brutta prestazione, che fino alla fine ha rischiato di terminare con l'ennesimo disastro. I gialloblu hanno messo in mostra ancora una volta tutti i propri limiti caratteriali contro una formazione certamente ben messa in campo ma non irresistibile. Alle enormi difficoltà nel tessere la manovra, si sono aggiunte anche quelle di sfondare sulle fasce: basti pensare che da quando è entrato in campo, Pazzini ha ricevuto una sola palla giocabile in area, sulla quale è scattato anche il fuorigioco. 
Contro Grosso inoltre ha giocato anche la sfortuna, visti i due infortuni, i rimpalli quasi mai a favore e le occasioni sciupate dai suoi (Zaccagni e Gustafson su tutti), che avrebbero potuto indirizzare il match su altri binari. 
La panchina del tecnico, alla luce anche di quanto dichiarato da Setti prima della partita, è dunque da considerarsi in bilico, con l'Hellas che domenica sera sarà impegnato sul difficile campo dello Spezia. 

La cronaca e il tabellino

PRIMO TEMPO - Dopo solo 2 minuti l'Hellas spreca la prima clamorosa occasione con Zaccagni, che da un paio di metri non trova la porta di testa dopo la spizzata di Di Gaudio. Piccinini al 5' lascia correre su un fallo subito in area da Matos. Il Crotone non aspetta i padroni di casa e prova a fare la partita. Ritmi molto bassi nei primi minuti. Dopo solo 13 minuti Munari è costretto ad uscire: al suo posto Colombatto. Strozzato il tiro di Di Gaudio al 14'. I gialloblu provano a sfruttare la loro velocità in ripartenza. Entrataccia di Di Carmine su Vaisanen al 24': l'arbitro lo grazia ma il difensore è costretto al cambio. Silvestri, al 25', dice di no alla potente conclusione di Rohden. Sono sempre gli ospiti a tenere in mano il gioco, ma le emozioni restano scarse. Intorno alla mezzora arrivano alcune fiammate degli scaligeri, ma nessun vero pericolo. Rischioso ma provvidenziale l'intervento di Marrone al 38' su inserimento di Rohden, che stava per presentarsi davanti a Silvestri. Marrone al 46' non riesce a trovare la porta di testa, in solitudine, su calcio d'angolo. 

SECONDO TEMPO - I ritmi sembrano più alti in questo inizio di ripresa. Problemi per Matos al 48' dopo uno scontro con Barberis, che l'arbitro neppure sanziona. Pettinari al 50' devia sotto porta la conclusione sporca di Rohden e firma il vantaggio. Infortunato anche Matos: al suo posto Tupta. Fuori misura la conclusione di Gustafson al 54'. Cordaz al 60' blocca il colpo di testa di Marrone. I gialloblu abbozzano una reazione, che non sembra convinta. Rohden al 63' stende Zaccagni al limite con una spallata e si guadagna il secondo giallo. Mischia furibonda in area calabrese al 65', Di Carmine viene anticipato e la difesa si salva. Il Crotone si schiaccia dietro per difendere il risultato. È ancora Marrone a mettere fuori di testa al 75'. L'Hellas assalta il fortino di Stroppa. Filtrante di Faraoni per Di Carmine al 78', che calcia e trova il tunnel su Cordaz: pareggio. All'81 nessuno dei gialloblu è pronto a raccogliere la corta respinta di Cordaz su traversone dalla sinistra. All'88 Gustafson tira in bocca a Cordaz e spreca una monumentale occasione per il 2-1. Doppia trattenuta in area calabrese al 90', ma per Piccinini il fallo è in attacco. 

HELLAS VERONA - CROTONE 1-1 

MARCATORI: Pettinari (C) al 50', Di Carmine (HV) al 78' 

HELLAS VERONA: Silvestri, Faraoni, Bianchetti, Marrone, Vitale, Gustafson, Munari (dal 13' Colombatto), Zaccagni, Matos (dal 51' Tupta), Di Carmine, Di Gaudio (dal 70' Pazzini).
A DISPOSIZIONE: Berardi, Ferrari, Henderson, Balkovec, Lee, Laribi, Dawidowicz, Almici, Empereur. ALLENATORE: Grosso.

CROTONE: Cordaz, Golemic, Rohden, Spolli, Benali, Machach (dal 61' Mraz), Milic, Barberis, Vaisanen (dal 24' Curado), Pettinari (dal 66' Molina), Sampirisi.
A DISPOSIZIONE: Festa, Curado, Cuomo, Firenze, Tripaldelli, Gomelt, Kargbo, Marchizza, Zanellato, Valietti. ALLENATORE: Stroppa.

ARBITRO: Marco Piccinini di Forlì. 

AMMONITI: Matos, Zaccagni, Marrone, Rohden, Milic, Cordaz

ESPULSI: Rohden al 64' per doppio giallo. 

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fugge sulla Transpolesana e getta 100mila euro di cocaina dal finestrino: arrestato

  • Cronaca

    Sprovvisto di biglietto sul treno aggredisce i controllori e ferisce due agenti della polfer

  • Cronaca

    Furgone a fuoco nella notte, paura in città: incendio domato dai pompieri

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 19 al 22 aprile 2019

I più letti della settimana

  • Sul treno, si abbassa la zip e si masturba davanti ad una giovane: denunciato

  • Tragico incidente agricolo nel Veronese: morto un uomo di 30 anni

  • Ricerche concluse a Legnago: trovato il cadavere della 29enne Natasha Chokobok

  • Donna vuole suicidarsi e si butta dal ponte, ma precipita sul terreno

  • Schianto fatale in A4: auto esce di strada all'altezza di Caldiero, morto un uomo

  • Provoca incidente mortale a Cerea, giovane patteggia la condanna

Torna su
VeronaSera è in caricamento