Calzedonia, terza sconfitta di fila. «Dobbiamo tirare fuori l'orgoglio»

In casa della Consar Ravenna, i gialloblu hanno perso 3-1. Il capitano Birarelli: «In questo momento purtroppo siamo un po' fragili quando l'avversario è sopra col punteggio»

Muro della Calzedonia contro Ter Horst a Ravenna

Al Pala De André di Ravenna è arrivata tardi la reazione della Calzedonia Verona che ieri, 27 novembre, ha perso con la Consar la sua terza gara consecutiva.

Primo set inizialmente in equilibrio. Verona sembra averne di più con Asparuhov e Boyer, ma con il suo muro Ravenna mantiene la parità (7-7). Un filotto di tre punti di Vernon-Evans crea un solco che la Calzedonia non riesce più a cancellare. Gli errori dei veronesi e i punti messi a segno ancora da Vernon-Evans scrivono la parola fine in un parziale terminato sul 25-21.
Le battute di Ter Horst danno fiducia alla Consar all'inizio del secondo set e Verona. La Calzedonia rincorre, ma resta indietro fino al 20-15. Poi, un grande recupero riporta i gialloblu a -1, ma un errore nell'ultimo scambio regala il set ai romagnoli (25-23).
Nel terzo set, la spinta di Asparuhov e Birarelli porta la Calzedonia in vantaggio (5-7). Boyer e ancora Birarelli permettono agli ospiti di allungare (11-15). La Consar è spenta, ma resta in partita grazie agli errori dei veronesi. Nel finale Solé e Boyer segnano i punti decisi e il francese chiude il parziale sul 20-25.
Dopo il set perso, Ravenna riparte da Ter Horst. Verona risponde con Muagututia e si resta in parità (8-8). Ter Horst sbriciola gli avversari con il suo servizio e gli attacchi di Lavia portano la Consar sul +5. La Calzedonia sente ancora di potercela fare, anche se il tabellone mostra il punteggio di 22-17. Anche nel finale, però, i padroni di casa mantengono il controllo del match e vincono 25-19.

In questo momento purtroppo siamo un po' fragili quando l'avversario è sopra col punteggio e non riusciamo ed essere presenti in partita e giochiamo molto peggio di quanto è il nostro reale valore - ha commentato il capitano gialloblu Emanuele Birarelli - Non è facile trovare le parole giuste e credo che questo sia il momento di lavorare e parlare di meno. Abbiamo parlato tra noi e abbiamo condiviso la necessità di tirare fuori l'orgoglio. Sicuramente dobbiamo fare qualcosa perché Verona, la società, i nostri tifosi e credo anche questo gruppo meritano di più. Perché valiamo di più e vogliamo dimostrarlo.

Consar Ravenna - Calzedonia Verona 3-1

CONSAR RAVENNA: Stefani ne, Cortesia 10, Ter Horst 16, Kovacic (L), Saitta 7, Recine 0, Vernon-Evans 18, Grozdanov 7, Batak ne, Bortolozzo 0, Marchini (L), Lavia 13, Alonso 0, Cavuto 0. All. Bonitta.

CALZEDONIA VERONA: Kluth ne, Marretta 0, Birarelli 8, Asparuhov 17, Boyer 15, Franciskovic ne, Solé 17, Cester ne, Spirito 2, Muagututia 5, Zanotti ne, Donati (L), Bonami (L), Chavers ne. All. Stoytchev.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento