Chievo Verona - Bologna, le probabili formazioni | Si ferma anche Jaroszynski

Il laterale si aggiunge alla già lunga lista di infortunati del club della diga, che annoverava già Rigoni, Djordjevic, Cacciatore, Tomovic e Pucciarelli. Probabile quindi che a sinistra parta dal primo minuto Kyinie

La dodicesima giornata del campionato di Serie A, mette a confronto allo stadio Bentegodi, alle ore 15 di domenica 11 novembre, Chievo Verona e Bologna. 

Si devono ancora vedere i frutti del cambio in panchina in casa clivense, quanto meno dal punto di vista dei risultati. Nel frattempo il club della diga continua ad occupare l'ultimo posto in classifica senza essere riuscito a conquistare una vittoria, con le avversarie che nel frattempo hanno preso le distanze: un immediato cambio di rotta è quindi indispensabile, almeno per ravvivare la fiamma della speranza. 
Appena sopra la zona retrocessione, la formazione guidata da Pippo Inzaghi non può restare tranquilla, soprattutto dopo i due soi punti raccolti nelle ultime quattro giornate. I felsinei quindi arriveranno al Bentegodi con l'obiettivo di sbancarlo e compiere un altro passo verso la salvezza. 

I PRECEDENTI - Nei 13 precedenti confroni avvenuti nel massimo campionato sul campo di gioco veronese, i padroni di casa si sono imposti per 6 volte, contro i 2 soli successi dei rossoblu, mentre in 5 occasioni la sfida è terminata in pareggio. 

QUI CHIEVO VERONA - La sfortuna continua a bersagliare il club della diga, con Ventura che nella prossima partita non avrà a disposizione neppure l'acciaccato Jaroszyński, oltre a Rigoni, Djordjevic, Cacciatore, Tomovic e Pucciarelli. In difesa dunque Barba dovrebbe prendere il posto di Cesar con Rossettini e Bani, mentre sulla fascia sinistra dovrebbe esserci Kyinie con Depaoli dall'altra parte. A centrocampo il dubbio più grande riguarda Obi e Hetemaj, mentre Radovanovic e Giaccherini partiranno dal primo minuto. In attacco con Stepinski dovrebbe essere ancora affiancato da Meggiorini, con Birsa pronto a subentrare dalla panchina. 

QUI BOLOGNA - «A ventisei tappe dal traguardo nessuna partita è fondamentale. Tutte le partite sono decisive, perché si scende sempre in campo per vincere. Anche stavolta ci proveremo. Stiamo migliorando sotto ogni punto di vista: rispetto a due mesi fa sto allenando un'altra squadra, sempre in partita, certa delle proprie qualità. Altrimenti non giocheremmo alla pari contro formazioni da Europa League. Di sicuro abbiamo raccolto molto meno di quanto avremmo meritato. Mancherà solo Mattiello, che tornerà dopo la sosta. Donsah andrà anche oggi a giocare contro la Primavera. Santander sta crescendo, Destro si sta allenando bene e sa che potrò contare su di lui quando servirà». 
Queste in sintesi le parole di Pippo Inzaghi alla vigilia della sfida del Bentegodi. L'allenatore dunque non avrà a disposizione Donsah e Mattiello, così sulla fascia sinistra dovrebbe correre Dijks, mentre in mediana Poli e Dzemaili si giocano un posto vicino a Pulgar e Svanberg. Danilo riprenderà invece il proprio posto in difesa con Calabresi e Helander, mentre davanti dovrebbe essere schierata la coppia Palacio-Santander. 

ARBITRO - Daniele Orsato di Schio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento