Monday Night stellare per la Calzedonia Verona, battuta Trento al tie-break

L'allenatore dei gialloblu Nikola Grbic: «Quando giochi contro una delle prime della classe, devi essere al massimo in tutti i fondamentali. Sono contento per i punti, ma soprattutto per la qualità»

Un attacco di Boyer contro il muro dell'Itas Trentino

Un Monday Night spettacolare quello di ieri, 18 febbraio, all'Agsm Forum. La Calzedonia Verona ha superato in cinque set l'Itas Trentino per la gioia di tutti i tifosi gialloblu. 

Match intenso fin dal primo set con un ottimo inizio di Kaziyski nella BluVolley e di Kovacevic e Candellaro tra i trentini. Gli ospiti si prendono un piccolo vantaggio (5-8), ma la Calzedonia pareggia sul 15-15 e si riporta avanti (17-16). Trento tiene il punteggio in bilico fino agli ultimi scambi decisi da Vettori e Lisinac (21-25).
Nel secondo set il lavoro fatto dalla Calzedonia in battuta comincia a rendere. I gialloblu mettono in crisi la ricezione avversaria e possono condurre il parziale dall'inizio alla fine. Lisinac e Russell cercano di far rientrare in partita l'Itas, ma ci pensa Kaziyski a non far crollare Verona. Nel finale, poi, i trentini sono più nervosi che concentrati e la Calzedonia vince 25-21.
La ritrovata solidità in ricezione permette agli ospiti di giocare un terzo set in totale controllo. La BluVolley lotta su ogni pallone, ma deve sempre rincorrere un avversario che non si fa mai prendere. L'Itas vince di nuovo 21-25.
Nel quarto set, Verona è travolgente. Grazie anche a quattro muri di fila, la Calzedonia si porta sull'8-1. Trento accusa il colpo e torna con la testa in campo solo quando il parziale è già compromesso. Sul 20-11, gli ospiti rimontano, ma il margine di vantaggio di Verona è ampio e il set termina sul 25-18.
Il quinto è stato il set più equilibrato ed è stato deciso in un finale vietato ai cardiopatici. Nella prima metà del parziale l'ago della bilancia oscilla da una squadra all'altra e anche il punto del 13-11 di Manavi non è per niente risolutivo. L'iraniano ha la freddezza di segnare anche il 14-12, ma un match point fallito e un ace di Nelli riporta tutti in parità (14-14). Solé segna il punto numero 15, ed è Kaziyski a segnare il definitivo 16-14.

Quando giochi contro una delle prime della classe, devi essere al massimo in tutti i fondamentali - ha commentato l'allenatore della Calzedonia Verona Nikola Grbic - Penso che la squadra meritatamente abbia vinto, abbiamo concretizzato il bel gioco, dopo aver fatto delle gare non buone contro di loro. Sono contento per i punti, ma soprattutto per la qualità. Abbiamo fatto molto bene a muro e in contrattacco, mettendoli in difficoltà con le battute flot.

Calzedonia Verona - Itas Trentino  3-2

Calzedonia Verona: Pinelli ne, Giuliani (L), Kaziyski 24, Alletti 6, De Pandis (L), Marretta 0, Birarelli 7, Boyer 20, Spirito 5, Manavinezhad 15, Sharifi 3, Solé 3, Magalini ne. All. Grbic.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Itas Trentino: Russell 11, Van Garderen 2, Nelli 6, Cavuto 0, Daldello ne, Vettori 10, De Angelis (L), Giannelli 2, Grebennikov (L), Candellaro 14, Codarin 7, Lisinac 5, Kovacevic 20. All. Lorenzetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Nuova ordinanza del sindaco di Verona contro movida e assembramenti: il testo completo

Torna su
VeronaSera è in caricamento