Viabilit, ecco le proposte del Pd per le tangenziali

Stamattina il Partito Democratico ha presentato il suo progetto per migliorare la mobilit scaligera

Viabilit, ecco le proposte del Pd per le tangenziali
Il Partito Democratico ha presentato questa mattina la sua proposta per risolvere il nodo delle tangenziali veronesi. Il segretario provinciale Vincenzo D'Arienzo ha sottolineato che alcuni Comuni rischiano di trovarsi chiusi tra due autostrade. Come San Bonifacio.

"E' inutile che si realizzino due autostrade a pagamento a pochi chilometri di distanza - ha dichiarato D'Arienzo - tanto più che si sviluppano tutte e due nella direzione est ovest". Sul banco degli imputati sono salite la mediana Nogarole Rocca-Soave e il SiTaVe, Sistema delle Tangenziali Lombardo Venete. "Nel progetto verrà coninvolta la tangenziale sud - spiega D'Arienzo - noi ci opponiamo al fatto che diventi a pagamento. In più il SiTaVe va spostato sul percorso previsto per la mediana: da Castelnuovo, verso Sommacampagna, Bovolone, Oppeano fino ad arrivare all'innesto sulla A4 a Montebello Vicentino".

In questo modo, secondo il Pd, non si rinchiuderebbe San Bonifacio in una morsa e si risponderebbe a un'esigenza territoriale nella parte sud ovest della provincia. In più il SiTaVe andrebbe spostato a sud di Verona. I gruppi del Pd in provincia e nei Comuni scaligeri presenteranno un atto di indirizzo per mettere al voto queste loro proposte. Che, tra l'altro, sarebbero simili a quelle presentate dalla Lega Nord. Quindi appare possibile una convergenza.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento