Stragi naziste, in tribunale ancora aperti 15 processi

Sono 12 gli imputati alla sbarra davanti alla magistratura militare veronese. L'udienza a giugno

Stragi naziste, in tribunale ancora aperti 15 processi
Sono ormai trascorsi piu' di 65 anni, ma le inchieste nei confronti di ex nazisti indagati per eccidi e crimini di vario genere compiuti in Italia nella seconda guerra mondiale non sono ancora tutte archiviate: nella fase delle indagini preliminari, infatti, vi sono ancora circa 30 procedimenti, di cui una dozzina avviati dalla procura militare di Roma e circa 15 da parte di quella di Verona. I processi nei confronti di criminali di guerra nazisti celebrati in Italia furono solo una decina, dal dopoguerra fino al 1994, anno in cui venne rinvenuto il famoso ''armadio della vergogna'' dove erano stati occultatati 695 fascicoli di crimini nazifascisti mai perseguiti.

Le inchieste su questi episodi vennero dunque avviate solo nel 1995 ma, soprattutto a causa dei molti anni trascorsi - con la morte degli indagati e dei testimoni e la conseguente difficolta' di condurre le indagini - in gran parte si sono concluse in un nulla di fatto. Tuttavia, una ventina di processi si sono celebrati e molti hanno portato a condanne all'ergastolo, anche se solo tre imputati sono finiti in prigione all'esito di questi procedimenti: per la strage delle Fosse Ardeatine, Erich Priebke (l'unico ancora in vita, attualmente ai domiciliari nella casa del suo avvocato) e Karl Hass (deceduto nel 2004 nella casa di riposo di Castelgandolfo dove era ai domiciliari), mentre per i crimini compiuti nei campi di lavoro di Fossoli e Bolzano fu estradato Michael 'Misha' Seifert (detenuto nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere e morto lo scorso novembre).

I processi attualmente in corso nei vari gradi di giudizio sono tre. Per le stragi commesse a Vallucciole e in vari borghi dell'Appennino tosco-emiliano sono 12 gli imputati alla sbarra davanti al tribunale militare di Verona (l'udienza e' prevista per meta' giugno) per l'uccisione di 350 civili.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento