Elemosinava col figlio, Tosi: "Diseducativo assolverlo"

L'uomo era stato fermato dalla municipale con bimbo il di 20 mesi in una carrozzina

Elemosinava col figlio, Tosi: "Diseducativo assolverlo"
Il sindaco di Verona Flavio Tosi ha definito "quantomeno diseducativa" la sentenza con la quale il giudice Raffaele Ferraro ha assolto un cittadino romeno accusato di aver impiegato il figlio di appena 20 mesi nell'accattonaggio. Un reato che prevede una pena fino a tre anni. L'uomo era stato fermato dai vigili urbani il 5 settembre del 2009 mentre chiedeva l'elemosina davanti al supermercato Pam in via dei Mutilati con il figlioletto che dormiva in una carrozzina. 
 
"Sentenze come quella che ha assolto il cittadino romeno che chiedeva l’elemosina utilizzando il figlioletto di 20 mesi per impietosire i passanti sono, quantomeno, diseducative - ha detto Tosi -, incoraggiano di fatto l’uso dei minori nell’attività di accattonaggio e vanificano l’operato a tutela dei bambini della polizia municipale, che lo aveva denunciato".

L'avvocato difensore del romeno, Paola Malavolta, aveva chiesto l'assoluzione perché il suo assistito "non si stava avvalendo del figlio per chiedere l'elemosina anche perché il piccolo dormiva quando è stato trovato dagli agenti". Malavolta aveva aggiunto anche che l'uomo non sapeva a chi lasciare il bimbo.

Il giudice le ha dato ragione anche se le motivazioni si conosceranno solo tra qualche settimana. Proprio per questo il sindaco ha aggiunto: "Non conosco ancora le motivazioni della sentenza e non so se sia inadeguata la legge o l’interpretazione che il giudice, diversamente dal Pubblico Ministero, le ha dato. So solo che essa indebolisce la nostra attività di tutela dei minori".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento