Riportato alla luce lintero archivio comunale

Un salto indietro nel tempo. Recuperate pi di 4500 pagine di storia

Riportato alla luce lintero archivio comunale
Grezzana viaggia nel tempo e torna alle origini. Dopo mesi di duro lavoro il sindaco Mauro Bellamoli è riuscito a realizzare un’opera a cui teneva in maniera particolare: riportare alla luce l’archivio del Comune, che parte dal 1806.

Oltre 1400 raccoglitori, 350 mila documenti, più di 4500 pagine che prima di questo intervento sembravano quasi dimenticate, abbandonate in uno stato di quasi completo degrado, e che ora invece hanno una casa tutta nuova, ricavata nel seminterrato della Casa di riposo. Riportare in vita un archivio che vanta due secoli di storia, significa anche risvegliare qualche antico sentimento e perché no, anche un pizzico di nostalgia.

Uno degli aspetti che ha colpito maggiormente sindaco e cittadini durante la presentazione dell’archivio storico, è stato scoprire che nel corso del’Ottocento le famiglie venivano riportate nei fogli dell'anagrafe non solo con il nome e il cognome del capofamiglia, ma anche con il suo soprannome. Un salto nel passato dunque, per riscoprire le vecchie tradizioni del paese.

La riuscita di un così vasto progetto, come sottolineato dallo stesso Mauro Bellamoli, è stato il frutto di un lavoro che ha visto impegnati in prima persona il presidente della biblioteca comunale Fernando Zanini, che grazie alla collaborazione di Fernando Dines e Fernando Surange ha curato la pulizia dell’archivio stesso, degli alpini e degli impiegati comunali che si sono occupati del trasporto di migliaia di documenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento