7 giugno 1958: Verona festeggia il superamento di quota 200mila abitanti

La nata numero 200mila all'anagrafe scaligera si chiamava Primarosa e ricevette un bel regalo dalla comunità, un libretto di risparmio con 200mila lire, più o meno 4.000 euro dei giorni nostri

Al 31 dicembre 2016 la popolazione residente nel comune di Verona secondo l'Istat è di 257.353 unità e negli ultimi sessanta anni si può dire che è cresciuta di circa il 25%. Era infatti il 1958 quando l'amministrazione comunale scaligera, allora guidata dal sindaco Zanotto, festeggiava il traguardo dei 200mila abitanti. La festa ufficiale si svolse ufficialmente il 7 giugno e ebbe al centro la cittadina veronese numero 200mila per l'anagrafe cittadina, Primarosa. Lei era troppo piccola per godersi il regalo fatto dal Comune, ma i genitori della piccola lo ritirarono molto volentieri. Era infatti un libretto di risparmio contenente 200.000 lire, una somma che ai giorni nostri potrebbe corrispondere a circa 4.000 euro.
Fa quasi sorridere rileggere questa notizia a 60 anni di distanza, in un'Italia il cui indice di natalità purtroppo è al palo. Chissà, magari aprire libretti di risparmio ai nuovi nati potrebbe essere un incentivo. Ci rendiamo comunque conto che chiedere 4mila euro per ognuno è chiedere troppo, ma in campagna elettorale nulla è mai troppo, o no?

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento