Artrosi, iniezioni di tessuto adiposo per ritardare il ricorso alle protesi

Il chirurgo ortopedico Piergiuseppe Perazzini, nella clinica San Francesco di Verona, utilizza questa metodica con buoni risultati e un positivo riscontro da parte dei pazienti

Piergiuseppe Perazzini

La degenerazione delle cartilagini articolari rappresenta un disagio quotidiano dal grande impatto sociale. Infatti, la sua patologia più rappresentativa, l'artrosi, è tra le prime dieci cause di disabilità.
Si tratta di una patologia che colpisce più del 50% della popolazione al di sopra dei 60 anni e circa il 10% tra i giovani. Questa malattia colpisce le articolazioni e quindi incide negativamente sul loro funzionamento, soprattutto di anca, ginocchio e caviglia. Ma prima di giungere a una forma degenerativa grave, che comprometta definitivamente le articolazioni e che richieda l'impianto di una protesi, esiste una fase intermedia che riesce a ritardare la fase chirurgica.
È una fase intermedia nella quale vengono effettuate una serie di iniezioni di tessuto adiposo all'interno delle articolazioni. All'interno del tessuto adiposo, grazie ad un processo minimo di lavorazione effettuato in maniera estemporanea, vengono isolate le cellule mesenchimali che vengono poi iniettate nella parte interessata. Con questa metodica è possibile procrastinare l'intervento chirurgico.

Quando usiamo le cellule mesenchimali stiamo riutilizzando le capacità rigenerative del tessuto umano per riparare i danni cartilaginei o tissutali - ha spiegato il chirurgo ortopedico Piergiuseppe Perazzini - In ortopedia ovviamente le impieghiamo per le articolazioni cartilaginee, che si sono lesionate a causa di un trauma o per l'usura. Le cellule mesenchimali, opportunamente utilizzate e stimolate, si replicano dando la possibilità ai tessuti di ricostruirsi siano essi cartilaginei, ossei o tendinei. E il vantaggio è quello di preservare l'apparato scheletrico.
Si tratta di una metodica curativa che si pone come obiettivo quello di riuscire a rinviare la sostituzione protesica e quindi l'intervento chirurgico. Mi riferisco soprattutto a quei pazienti che hanno un'età compresa tra i 50 e i 60, che come unica sintomatologia avvertono gonfiore e dolore intermittente e soprattutto che non vedono compromesse le loro attività quotidiane.

Il potere rigenerativo del tessuto adiposo è stato scoperto e messo a punto dal chirurgo Gino Rigotti per la ricostruzione della mammella dopo una mastectomia. Carpito il funzionamento delle cellule mesenchimali, le quali si attivano per ripristinare una condizione ottimale nel sito dove vengono innestate, si è pensato di applicare questa metodica anche in altre parti del corpo, grazie ad un lavoro condiviso con l’équipe del chirurgo ortopedico Perazzini, che ad oggi utilizza questa metodica con buoni risultati e un positivo riscontro da parte dei pazienti, nella clinica San Francesco di Verona

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Blog

    Dove fare un aperitivo a Verona. I dieci imperdibili locali

  • Blog

    Le pizzerie più buone di Verona: dove gustare un'ottima pizza

  • Blog

    Parcheggiare a Verona. Gli stalli liberi e a pagamento della città

  • Blog

    Verona e la sua storia: il mistero dell'Arco della Costa in piazza Erbe

I più letti della settimana

  • Dolci tipici veronesi: l'offella d'oro di Bovolone

  • Bonus sociale idrico, cosa fare per accedere allo sconto sulla fornitura dell'acqua

  • In bici col seggiolino: i consigli della polizia municipale di Verona

  • Racchette scaligere: breve storia dei 90 anni dell'Associazione Tennis Verona

  • AgroInnovation Award, premiata anche la tesi di un neo-laureato veronese

  • L'Accademia Filarmonica di Verona e i suoi pittori: Felice Brusasorzi

Torna su
VeronaSera è in caricamento