Ricette tipiche veronesi: la Faraona del Prete

Deve il suo nome al fatto che in passato veniva cotta dalle perpetue con le offerte che i contadini portavano in chiesa durante le festività

Una faraona (Foto di repertorio)

Il Consorzio Pro Loco del Basso Veronese racconta che il nome di questa ricetta deriva dal fatto che la "Faraona del Prete" veniva realizzata dalle perpetue con le offerte che i contadini portavano in chiesa durante le festività. Offerte che non erano in denaro, ma magari un contadino portava un pollo o una faraona, un altro portava delle patate, altri portavano zucche o cipolline, e tutti questi ingredienti venivano poi cucinati in canonica.

Gli ingredienti per la "Faraona del Prete" sono:

  • una faraona grande
  • mezzo chilo di cipolline
  • trecento grammi di patate
  • trecetro grammi di zucca
  • settanta grammi di burro o di lardo
  • un gambo di sedano
  • olio
  • un bicchiere di vino bianco
  • sale, pepe e salvia.

La preparazione di questo piatto comincia con la pulitura della faraona che deve essere poi tagliata in pezzi piccoli. La carne viene poi rosolata in una padella unta con l'olio e con il burro (o con il lardo) insieme alla salvia e al sedano fatto a pezzetti.
In un'altra padella si soffriggono le cipolline con le patate e la zucca tagliate a dadini fino a quando queste verdure non sono diventate tenere. Si aggiungono poi vino, sale e pepe.
Dopo aver cotto per quaranta minuti la faraona, la si mischia con le verdure e poi si mette tutto in forno per un'altra mezz'ora.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento