La dolce leggenda della nascita dei "puoti" di Santa Lucia

Sono dolci a forma di bambolotti ("puoti" appunti) e sono tipici di Santa Lucia perché si racconta che sia stata proprio la Santa a crearli

(Foto Facebook)

I "puoti" sono, soprattutto in Lessinia, i dolci tipici di Santa Lucia e del Natale. Si chiamano così perché hanno la forma di un bambolotto, di un "puoto" appunto e la leggenda narra che a crearli sia stata proprio Santa Lucia, apparsa sotto forma di una vecchia anziana che aveva chiesto ospitalità ad una povera famiglia di Badia Calavena. L'anziana era stata sorpresa da una bufera di neve e se non avesse trovato riparo sarebbe sicuramente morta. Un rifugio lo trovò nella casa di una famiglia povera che condivise quel poco che aveva con la vecchia viandante. Era la notte prima di Santa Lucia e i bambini erano felici perché sapevano che la Santa quella notte gli avrebbe portato dei dolci. Loro però desideravano anche delle bambole, ma non era possibile accontentarli, perché i soldi per comprare le bambole non ce n'erano. Così, quando i bimbi andarono a dormire, l'anziana svelò la ricetta dei "puoti" alla signora che tanto calorosamente l'aveva ospitata. Con i "puoti" i bambini sarebbero stati accontentati perché avrebbero avuto sia le bambole che i dolci desiderati.

Che quell'anziana fosse Santa Lucia, la donna lo capì quando la vide creare i "puoti" con un pizzico di magia. La farina, infatti, era poca, ma l'anziana continuava a tirarne fuori a manciate, come se fosse infinita. Le uova non c'erano e così Santa Lucia prese le nespole e le ruppe come se fossero uova e ne ricavò tre tuorli. L'anziana trasformò anche l'acqua in latte e da una pentola ormai vuota prese un panetto di burro. Impastò tutto e lavorò la pasta in modo da creare tre bambolotti. Dopo averli cotti, Santa Lucia uscì e prese un po' di neve, la fece scendere su quei dolci mutandola in zucchero a velo. L'ultima magia fu il mattino seguente quando i tre "puoti" diventarono sei, dieci, e ancora di più. Tutta la famiglia si potè sfamare con quei dolci, mentre l'anziana, passata la tempesta, era già andata via.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Blog

    Le pizzerie più buone di Verona: dove gustare un'ottima pizza

  • Blog

    Dove fare un aperitivo a Verona. I dieci imperdibili locali

  • Blog

    Parcheggiare a Verona. Gli stalli liberi e a pagamento della città

  • Blog

    Verona e la sua storia: il mistero dell'Arco della Costa in piazza Erbe

I più letti della settimana

  • Dillo in veronese. 10 modi di dire tipici di Verona e provincia

  • 10 proverbi di Verona (perchè alcuni concetti si esprimono meglio in dialetto)

  • I proverbi di una volta: 10 massime in dialetto veronese sul tempo

  • Dillo in veronese: i migliori proverbi dialettali sul meteo suggeriti dai nostri lettori

  • Storie di ordinaria follia: dall'Accademia delle Scienze cinese arriva l'oro artificiale

  • Docente veronese alla guida di un gruppo di ricerca d'eccellenza sulla scienza alimentare

Torna su
VeronaSera è in caricamento