Parcheggiare a Verona. Gli stalli liberi e a pagamento della città

Sono tre le grandi aree di sosta libere: Porta Palio, Stadio e Piazzale Guardini. Tredici invece quelle a pagamento con diverse tariffe

Il sogno è sempre quello di trovare un posto dove poter lasciare gratuitamente l'auto e una volta sceso dal mezzo non dover fare molta strada a piedi per raggiungere la propria destinazione. Sogno che non si avvera quasi mai per chi deve andare a Verona e non può (o non vuole) usare i mezzi pubblici. Anzi, per chi non è pratico del capoluogo scaligero, parcheggiare in città è un piccolo incubo. L'unica ancora di salvezza è conoscere i parcheggi veronesi e scegliere prima quello più vicino al luogo che si vuole raggiungere. Se fosse un parcheggio libero sarebbe meglio, altrimenti bisogna armarsi di monetine e pagare la tariffa corrispondente alle ore in cui si è lasciata l'auto in sosta.

Per chi ancora non li conosce e ne ha spesso bisogno, ecco la lista dei parcheggi della città di Verona, suddivisi tra liberi e a pagamento:

PARCHEGGI LIBERI

  • Parcheggio Porta Palio. Viale Galliano.
  • Parcheggio Guardini. Piazzale Guardini.
  • Stadio. Piazzale Olimpia.

PARCHEGGI A PAGAMENTO

  • Cittadella. Piazza Cittadella.
  • Arena. Via Bentegodi.
  • Italia. Corso Porta Nuova.
  • Autorimessa Paradiso. Via Paradiso.
  • Piazza Isolo. Via Ponte Pignolo.
  • Centro. Via Campo Marzo.
  • Arsenale. Piazza Arsenale.
  • Metropark. Piazzale XXV Aprile.
  • Polo Zanotto. Viale Università.
  • Stazione A e B. Via Città di Nimes. 
  • Tribunale. Via dello Zappatore.
  • Ospedale Borgo Trento. Via San Camillo De Lellis.
  • San Zeno. Piazza Corrubbio.

A questi si deve aggiungere il parcheggio della Fiera, nell'ex mercato ortofrutticolo, aperto solamente durante le manifestazioni fieristiche. Oltre ai parcheggi blu che si trovano lungo le vie cittadine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento