Prodotti dai veronesi: il lardo della Lessinia

Si conserva in recipienti in pietra di Prun, chiamati seciari, dove viene lasciato riposare. Nei seciari, il lardo mantiene una temperatura interna costante e assorbe gli aromi in modo lento ed omogeneo

Polenta con lardo

Prima che il burro diventasse un prodotto più a buon mercato e quindi di largo consumo, le famiglie contadine utilizzavano il lardo per dare sapore alle proprie pietanze. Attualmente, il lardo non è più diffuso come una volta, ma viene ancora prodotto e commercializzato soprattutto in Lessinia, dove lo si ricava dalla scapola del maiale e viene conservato in maniera unica. Come ben spiegato dalle pro loco della Valpolicella, il lardo della Lessinia si conserva in recipienti in pietra di Prun, chiamati seciari, dove viene lasciato riposare. Nei seciari, il lardo mantiene una temperatura interna costante e assorbe gli aromi in modo lento ed omogeneo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Blog

    Dove fare un aperitivo a Verona. I dieci imperdibili locali

  • Blog

    Le pizzerie più buone di Verona: dove gustare un'ottima pizza

  • Blog

    Parcheggiare a Verona. Gli stalli liberi e a pagamento della città

  • Blog

    Verona e la sua storia: il mistero dell'Arco della Costa in piazza Erbe

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento