Il gioco dell'estate? Colora le strisce pedonali

Il sindaco leghista sceglie il verde padania, Miozzi opta per il tricolore. Colpa del caldo?

Il gioco dell'estate? Colora le strisce pedonali
Non possiamo non chiedercelo: ma è giusto tornare sulle cronache dei giornali nazionali per avere inaugurato la moda delle strisce pedonali colorate? Siamo seri: quella del sindaco di Veronella, leghista di quelli che evidentemente per il sacro suolo padano farebbero qualsiasi cosa, è stata un’impresa di cui non andare particolarmente fieri.

Dipingere i passaggi pedonali di verde, invece che del classico rosso (troppo comunista, suvvia, deve aver pensato il primo cittadino leghista) non verrà ricordato come uno degli atti più significativi del suo mandato.

Ma la risposta del suo collega di Isola della Scala, che casualmente si trova ad essere anche presidente della Provincia in quota Pdl, è stata forse ancora peggiore: Miozzi si è inventato nientemeno che le strisce pedonali tricolore, roba che forse solo durante la parata dei carri di Carnevale potrebbe avere un senso.  Eppure è così. Adesso magari a qualche sindaco forzista della prima ora verrà in mente di dipingere i passaggi pedonali di un bell’azzurro, con le strisce a forma di nuvoletta. Sì, il caldo è pericoloso per bimbi ed anziani. E anche per i sindaci, va.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
VeronaSera è in caricamento