Artisti e musicisti illustri nati a Verona: Giuseppe Torelli

Violinista virtuoso e compositore barocco, sono note oltre 200 sue opere anche se ne furono stampate solo otto. Tante le sonate e importante il suo contributo per i concerti grossi

Curiosa la storia dei due fratelli Torelli, due ottimi artisti del '600 nati a Verona. Il più grande, Giuseppe Torelli, nasce nel 1658 e viene avviato alla pittura. Non è però questo il campo a lui più congeniale e quando scopre il violino comincia a studiarlo da alcuni maestri veronesi e a 18 anni comincia la sua attività professionale con i primi concerti, diventando poi violinista della Cattedrale di Verona. Suo fratello minore, Felice Torelli, nasce nel 1667 e viste le inclinazioni di Giuseppe, i genitori provano a spingere Felice nel mondo della musica, ma abbandonò questa strada percorrendo il percorso inverso del fratello maggiore, diventando pittore.

Probabilmente è Giuseppe Torelli il fratello più celebre dei due, anche se entrambi trovarono discreta fortuna nei rispettivi campi artistici, anche se non a Verona. Nel 1684, Giuseppe Torelli entra come violinista nell'Accademia Filarmonica di Bologna dove non studia soltanto violino ma anche composizione, diventando allievo di Giacomo Antonio Petri e diventando compositore in meno di una decina d'anni. E sfruttando la notorietà raggiunta dal fratello, anche Felice Torelli si trasferirà a Bologna, creandosi una posizione come pittore. 

A Bologna, Torelli rimane fino a quando può suonare nell'orchestra della Cappella di San Petronio che per ragioni economiche nel 1696 si scioglie. Fino al 1700 gira per l'Europa, ottenendo ingaggi prestigiosi. Sofferente di ipocondria e di nostalgia per l'Italia, Giuseppe Torelli torna a Bologna dove morirà nel 1709. 

Violinista virtuoso e compositore barocco, di Giuseppe Torelli sono note oltre 200 opere anche se ne furono stampate solo otto. Tante le sonate, importante è stato il contributo di Torelli per i concerti grossi e per quelli solisti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento