← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Era un centro di riferimento, ora l'ospedale di Malcesine è in abbandono

Mappa
Via Gardesana, 37 · Malcesine

La denuncia sull'attuale stato di degrato dell'ospedale di Malcesine arriva dalla dottoressa Denis Montagnoli, presidente dell'associazione interregionale disabili motori (AIDM-Onlus). Associazione che ha sede proprio nell'ospedale.

L'ospedale è stato riconosciuto come centro di riferimento nazionale per lo studio e la cura degli esiti tardivi della poliomielite - scrive Montagnoli - Per molti anni è stato un punto di riferimento non solo per i pazienti poliomielitici, ma per tutti i residenti e non dell'alto Garda. Negli ultimi anni, però, l'ospedale è stato totalmente abbandonato dalle istituzioni ed è diventata una struttura al limite della legalità. Chiuse le sale operatorie, chiusi e abbandonati i poliambulatori, un pronto soccorso che presta solo i servizi più elementari, personale medico e infermieristico al colasso, incompetenze, mancanza di coordinamento tra medici. Un vero disastro. La struttura sta cadendo a pezzi, un intero reparto è stato chiuso da gennaio per la messa a norma dell'impianto antincendio ma nessuno operaio ci lavora perché la direzione sanitaria attende l'autorizzazione da parte della Regione. All'ospedale giungono pazienti da tutta Italia ed abbiamo richieste anche dall'estero. Siamo l'unica associazione italiana membro attivo dell'organizzazione europea Epu (European polio union) ed ogni anno partecipiamo a convegni in ogni parte d'Europa. Abbiamo ricevuto la proposta da parte dell'Epu di organizzare un convegno a livello mondiale presso la struttura di Malcesine, ma abbiamo dovuto rifiutare in quanto non sarebbe certo edificante presentare una situazione simile di degrado e di abbandono. Stiamo lavorando unitamente al Comune di Malcesine per poter salvare e riqualificare questo ospedale, per anni centro di eccellenza.

Segnalazioni popolari

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
VeronaSera è in caricamento