Le colline del prosecco nominate Patrimonio dell'Umanità

L'Italia festeggia così il suo cinquantacinquesimo sito Unesco

Immagine generica

Si festeggia in tutta Italia ma specialmente a Conegliano Veneto e a Valdobbiadene! Da domenica infatti le colline del prosecco sono Patrimonio Mondiale dell'Umanità! Lo ha sancito a Baku, in Azerbaijan, il World Heritage Commettee, ovvero le rappresentanze di 21 Stati che hanno l’incarico di valutare le candidature. Si arriva così a 55 siti italiani di cui il mondo ha fatto tesoro.

L’assessore regionale al lavoro e alla formazione del Veneto, Elena Donazzan, commenta così la nomina a patrimonio dell'Unesco delle colline del Prosecco:

“Una nomina più che meritata, un riconoscimento che va a valorizzare un territorio ineguagliabile per bellezza e per qualità della produzione vitivinicola”.

“Il Prosecco è il vino italiano più conosciuto e più bevuto al mondo, con un volume di export in continuo aumento. Oltre 5.000 addetti operano infatti attorno alla produzione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG: una vera e propria macroeconomia tutta veneta che esce notevolmente rafforzata da questa decisione - continua Donazzan - ma la nomina a patrimonio Unesco delle colline del Prosecco vale molto di più, perché permetterà di far conoscere ai visitatori da tutto il mondo uno dei territori più belli del Veneto e d’Italia, favorendo lo sviluppo di nuove forme di turismo enogastronomico, lento e consapevole”.

“Una buona notizia che arriva a pochi giorni dall’aggiudicazione delle Olimpiadi invernali 2026 a Milano-Cortina – prosegue Donazzan - che impone al Veneto la sfida di promuovere un turismo all’altezza delle aspettative dei visitatori. Grazie ai percorsi di formazione professionale dei Centri di formazione professionale del Veneto ed ai percorsi di formazione terziaria dell’ITS-Academy del Turismo, la Regione Veneto è in prima linea nella preparazione degli operatori e dei manager del domani, verso un mercato del lavoro che richiederà sempre più competenza e professionalità”. 

“Complimenti al Presidente Luca Zaia per il coraggio e la lungimiranza dimostrati in questa partita: anche questa volta ha puntato senza esitazione, e a ragione, sulla bellezza del nostro territorio – conclude l’assessore alla scuola e formazione - Un grazie, inoltre, ai tanti imprenditori che in questi anni hanno investito ristrutturando, manutenendo, abbellendo, lavorando nel modo giusto queste difficili colline. Infine un plauso al vicesindaco di Valdobbiadene Tommaso Razzolini, che si è molto speso in questi ultimi 5 anni con la sua delega al turismo per far conoscere il proprio comune e promuovere in ogni posto e occasione la qualità del Prosecco Consegliano-Valdobbiadene DOCG. Vince un’idea, vince un territorio, nell’interesse del Veneto e di tutti i veneti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

Torna su
VeronaSera è in caricamento