A Verona il forum dal titolo "Incontro tra medicina del territorio e clinica"

Si svolgerà a Verona, dal 12 al 14 aprile, presso l’Hotel Leon D’Oro, il quarto forum “Incontro tra Medicina del Territorio e Clinica”.

Un evento, che vedrà la presenza di circa 250 partecipanti, con lo scopo di incentivare il confronto e la comunicazione tra medici provenienti da differenti esperienze professionali. Oltre ad argomenti di medicina generale, si tratteranno temi di cardiologia, pneumologia, algologia, psichiatria, psicologia e medicina legale.

«Un evento che mette in comunicazione – ha spiegato il Dott. Fulvio Grazzi – i medici che si affacciano alla professione con medici di esperienza con lo scopo di fornire un supporto sia sul piano clinico che sul piano gestionale e amministrativo». L’organizzazione gestionale della sanità in Italia delegata alle regioni, la formazione delle Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) e delle Case della salute ha determinato, per il medico di medicina generale, la progressiva crescita dell’organizzazione territoriale. Alla luce di questo aprirà un dibattito di esperienze da parte di un medico di una regione del Sud, del Nord e del centro Italia per confrontarsi sulle varie differenze.

«Con i nuovi meccanismi di legislazione – prosegue il Dott. Grazzi – diventa sempre più importante affrontare anche gli aspetti normativi sulla sicurezza delle cure, la responsabilità, la gestione del carico di lavoro professionale e burocratico del medico di medicina generale. In particolare si tratteranno i temi delle differenze gestionali in Italia, la coordinazione dello studio medico e la disamina della legge Gelli-Bianco (ex legge Barducci), per verificare la sua applicazione alla luce di casi clinici reali. La prima giornata si concluderà con una tavola rotonda sulla sostenibilità e gestione del carico di lavoro professionale e burocratico per il Medico di Medicina Generale alla luce del nuovo Accordo Nazionale Collettivo».

«Un aspetto molto importante dell’evento – conclude il Dott. Grazzi – saranno le sessioni interattive di: otorinolaringoiatra, spirometria, aritmie cardiache, lettura e interpretazione di tracciati ECG. Infine la nuova sessione Medhacks, nuova metodologia multidisciplinare per un’esperienza di collegialità e collaborazione tra medici, ideata e gestita dai colleghi più giovani e fortemente voluta da ASPAM per divulgare conoscenza e informazioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

Torna su
VeronaSera è in caricamento