L'influenza del Junk Food sull'obesità e rischio cardiovascolare nei bambini

La ricerca ha riguardato 300 bambini veronesi delle classi III e IV di quattro scuole primarie del distretto di Verona sud ed è stata condotta dall’ateneo scaligero e finanziata dal Ministero della salute, la regione Veneto e l’AOUI

Immagine generica

Il cibo da “fast food” come possibile rischio per la salute dei bambini tra i 7 e i 10 anni. Questo è solo uno dei risultati emersi dalla ricerca “Relazione tra abitudini alimentari, attività fisica e parametri antropometrici e vascolari nei bambini che frequentano la scuola primaria nel distretto sud di Verona”, condotta dall’ateneo scaligero e finanziata dal Ministero della salute, la regione Veneto e l’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, che è stata di recente pubblicata sulla rivista scientifica “Nutrients”.

I RISULTATI - Cristiano Fava, docente di Medicina interna nel dipartimento di Medicina, e primo firmatario della ricerca, in collaborazione con Claudio Maffeis, del dipartimento di Scienze Chirurgiche Odontostomatologiche e Materno-Infantili, ha guidato il gruppo di lavoro che ha studiato la diffusione dell’obesità tra 300 bambini veronesi delle classi III e IV di quattro scuole primarie del distretto di Verona sud. Dei bambini inclusi, di età compresa tra 7 e 10 anni ed equamente divisi tra maschi e femmine, ben il 13,6% risultava obeso e il 20% sovrappeso; la pressione si rivelava alta nel 21,6% dei casi. La ricerca ha quindi mostrato come l’assunzione di determinati cibi possa influire sulla salute: è da favorire il consumo di frutta fresca e secca, che rappresenta un possibile effetto protettivo nei confronti della glicemia; al contrario, quei bambini che consumavano in maggior quantità il cibo da “fast food” risultavano più inclini ad avere delle arterie rigide ovvero soggette a precoce invecchiamento, correlato ad un aumento del rischio cardiovascolare in età adulta.

«Gli studi effettuati e le correlazioni trovate tra le abitudini culinarie dei bambini e la loro salute - spiega Fava -, assieme ai numeri in crescita dei casi di obesità in età infantile, ci hanno portato a suggerire l’importanza di interventi tesi a migliorare ciò che i bambini mangiano e a favorire l’attività fisica costante in età scolare, in modo da evitare problemi cardiovascolari in età adulta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento