"Colata di cemento a Costermano", la denuncia del deputato PD Zardini

Sono stati approvati due piani di intervento edilizio da 40 mila metri cubi di nuove costruzioni. Zardini: "Costruiscono su aree di pregio o sottoposte a dissesto idrogeologico"

Diego Zardini (Foto profilo Facebook)

"Una nuova colata di cemento su Costermano". La denuncia arriva dal deputato veronese del PD Diego Zardini, contrario alla scelta del Comune di Costermano di approvare due piani di intervento edilizio da 40 mila metri cubi di nuove costruzioni. "Gli speculatori non si fermano neppure davanti alle zone pericolose", scrive Zardini riferendosi al fatto che le costruzioni interessano aree di pregio ambientale e paesaggistico, ma anche zone sottoposte a dissesto idrogeologico. E lo riporta anche nella sua interrogazione al ministro dell'ambiente Galletti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Posso comprendere, anche se ovviamente non lo approvo, che di fronte alla prospettiva di realizzare un guadagno immediato, i costruttori non si facciano troppi scrupoli ambientali e relativi alla sicurezza - prosegue Zardini - Ma che l'amministrazione comunale avalli questi piani è contro ogni interesse dei cittadini: l'aumento delle volumetrie è di tali proporzioni da svalutare irrimediabilmente e per diversi decenni il valore commerciale degli immobili esistenti. Sono poi esterrefatto dalla leggerezza con cui si permette di costruire in aree sottoposte a dissesto idrico e geologico dove, anche solo il buon senso suggerirebbe di evitare l'edificazione di nuovi insediamenti. Infine, le nuove costruzioni distruggeranno per sempre suolo pregiato, essendo previste all'interno di siti di interesse comunitario (zone Sic) come terreni agricoli, zone boschive, naturalistiche e punti paesaggistici di valore, in barba agli esistenti vincoli di destinazione forestale, paesaggistici e idrogeologici. Distruggere l'ambiente, depauperarlo e cementificarlo è il modo migliore per affossare una delle principali risorse economiche del territorio, ovvero il turismo. Mi auguro che il ministro Galletti e il ministero facciano luce su quanto sta accadendo a Costermano e intervengano almeno per mitigare il devastante impatto ambientale previsto da decine e decine di nuove inutili costruzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

Torna su
VeronaSera è in caricamento