Zaia elogia i viticoltori: "Giusto premiare i migliori"

"Non consegnamo l'agricoltura alle multinazionali. Quella italiana enologia dell'identit"

Zaia elogia i viticoltori: "Giusto premiare i migliori"
"Dobbiamo avere il coraggio di premiare chi si spacca la schiena e ha i calli nelle manie non coloro che passano le giornate dal commercialista e non hanno nulla a che vedere con la terra". Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia nel portare oggi il saluto della Regione al Vinitaly. 

"Il Vinitaly è il luogo dell'identità,
 è la sua celebrazione; è dunque l'occasione per parlare del futuro della nostra agricoltura e della nostra enologia, dove non mancano preoccupazioni. Il nostro punto di forza - ha affermato - è quello di avere la tipicità e dobbiamo mantenere questi valori in capo ai nostri agricoltori, la sfida per il nostro territorio é quella identitaria". 

"Grazie ministro per aver difeso la nostra posizione circa la partita degli Ogm - ha detto ancora il presidente del Veneto - argomento sul quale il mondo scientifico è spaccato. Io dico semplicemente una cosa: piantare semi che non danno vita a semi significa consegnare l'agricoltura alle multinazionali. Il Veneto deve difendere i suoi 350 prodotti tipici, l'Italia i suoi 4.700: non possiamo permetterci di perdere questa ricchezza. Quella degli Ogm è una partita cogente e non diciamo che dove sono autorizzati i coltivatori guadagnano di più perché è vero il contrario: fanno la fame". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento